Costume

Arance "principesse" a Villacidro. 24 quintali andati a ruba alla festa degli agrumi - LE FOTO

Il prodotto-simbolo del Comune sardo va letteralmente a ruba nella festa al parco Piga. Tantissimi i visitatori tra gli stand. L'amministrazione comunale: "Numeri boom, valorizzati gli espositori locali".



VILLACIDRO (MC) - Arance profumate, buone e succose. Con il suo prodotto principe in vetrina, Villacidro ha conquistato tutti alla festa degli agrumi che ha riempito di colore e pubblico il parco Piga di via Nazionale nell'ultima domenica del mese di marzo. Dalla mattina alla sera un fiume di persone che poi si è ingrossato nelle ore di punta davanti agli stand dei produttori. La fila per comprare gustose arance a prezzi vantaggiosi, i momenti di svago nei balli improvvisati per imparare i primi passi del ballo sardo con la guida del gruppo folk Gippi di Villacidro, con i bambini divertiti negli spazi. Tanti i visitatori della zona che hanno scelto come meta Villacidro per vivere piacevoli ore di relax, trascorse a curiosare tra gli stand, cercando di carpire gli antichi segreti dei cestinai e la lavorazione della canna, la decorazione delle zucche, inebriati dai dolci profumi delle regine della casa che hanno insegnato ai curiosi le lavorazioni di dolci a base di agrumi. Difficile resistere poi ai formaggi e alle curiosità del laboratorio di caseificazione. E tra un’esibizione del gruppo folk, un momento ristoro con la Pro Loco, e le corse dei bambini, il giorno è volato lasciando entusiasmo e coraggio ai produttori che credono che la qualità sia il segreto per reggersi in un mercato sempre più severo.

"Siamo davvero soddisfatti di questa giornata", commenta l’assessore comunale all’Ambiente, Marco Erbì. "C’è stato un boom di visitatori che non ci saremmo aspettati. Abbiamo notato con piacere un grande interesse per l’evento. Questo ci spinge ad andare avanti su questa strada. L’evento è inserito nel calendario di ViviVerde  che comprende tante altre iniziative per animare il paese promuovendo ciò che di bello abbiamo e che merita di essere conosciuto e apprezzato". Nonostante la crisi ,qualche segnale positivo c’è: sei espositori hanno venduto complessivamente circa 24 quintali di arance, inoltre, alla giornata hanno partecipato una ventina di espositori con prodotti agroalimentari e artigianato. "Siamo davvero contenti", osserva Luciano Muscas , presidente della Pro Loco. "Siamo riusciti a recuperare un parco ormai in disuso e a ravvivarlo. Dopo il lavoro profuso per l’organizzazione della sagra, però non c’è tempo per riposarci perché abbiamo in agenda una serie di appuntamenti che ci vedranno collaborare con le varie associazioni". La festa degli agrumi si è chiusa a suon di musica: nell’auditorium della parrocchia di Santa Barbara, con "Da Mozart a Puccini", un percorso nella vocalità lirica. 

Ultimo aggiornamento: