Cronaca

Cosa si sa sui nuovi treni veloci in Sardegna

Dopo l'esordio ufficiale, ecco i numeri dei sette nuovi treni che percorreranno le ferrovie della Sardegna. Cagliari-Sassari in due ore e mezza, servizio attivo da domenica 13 dicembre. A disposizione wifi e nuovi servizi. Ma ancora non possono essere sfruttati al massimo: proseguono i test per aumentare la velocità.



CAGLIARI - Il treno Atr 365 ieri è partito per il suo viaggio inaugurale dalla stazione di Cagliari diretto a Sassari alle 10,45 impiegando due ore e 28 minuti, alla media di 102 chilometri orari, per coprire la tratta. È arrivato nel capoluogo turritano alle 13.12, compresa una sosta tecnica di 7 minuti a Sant'Anna (Oristano).

I nuovi convogli entreranno in servizio effettivo il 13 dicembre sulle tratte Sassari-Cagliari-Sassari, Olbia-Cagliari-Olbia, e Olbia-Sassari-Olbia. A partire da domenica saranno inizialmente 3 i treni che cominceranno a correre sulla rete isolana, sino ad arrivare gradatamente al pieno regime il 31 gennaio, quando tutti e 7 i treni della Regione copriranno le tratte. Da subito però si passerà da 10 a 14 collegamenti tra il capoluogo regionale e la città di Sassari, con un periodo massimo di percorrenza di 2 ore e 45 minuti, tenendo conto delle fermate. Il risparmio di tempo si aggirerà tra i 10 e i 20 minuti.

Sul collegamento Cagliari-Olbia-Cagliari si registrerà un taglio dei minuti, tra i 30 e i 50 rispetto al passato, considerato che le motrici spagnole effettueranno il percorso in 3 ore e 10. La Sassari-Olbia-Sassari, inoltre, incrementerà le corse da 12 a 16. "Naturalmente - afferma l'assessore ai Trasporti, Massimo Deiana - l'orario in vigore dal 13 sarà soggetto a variazioni importanti a partire dal mese entrante, quando tutti i treni saranno immessi in circolazione: a quel punto si ragionerà anche sui diretti senza soste intermedie e si prenderanno in considerazione le peculiari esigenze rappresentate dai territori in relazione alla programmazione delle singole fermate".

Uno degli otto pendolini sardi resterà ad Arezzo per la prosecuzione delle prove al fine di ottenere l'autorizzazione alla circolazione con il rango "P", ossia al pendolamento e sino alla velocità massima di 180 chilometri all'ora. "Tutto questo sarà possibile non appena Rfi appronterà l'attrezzaggio della rete con il 'Sistema Controllo Marcia Treno SCMT', operazione già in appalto che porterà - ha spiegato il titolare dei Trasporti - verso la risoluzione una situazione lasciata in stato di abbandono durante gli anni precedenti". Il bando internazionale per l'acquisto dei convogli, pubblicato nel 2007 e affidato nel 2010, prevedeva un impegno finanziario della Regione pari a circa 80 milioni e, contestualmente, erano state stanziate le risorse per l'adeguamento della rete. Questi ultimi fondi, corrispondenti a 130 milioni, tuttavia non sono mai stati utilizzati per tale finalità ma dirottati dalla precedente Giunta di centrodestra sulla costruzione della strada Sassari-Olbia e mai più ripristinati".

Treni moderni. Tutte le carrozze sono motorizzate, la struttura delle casse in lega leggera di alluminio è autoportante, le vetture di testa sono dotate di due carrelli motore, i passeggeri a mobilità ridotta hanno a disposizione un carrello elevatore e un servizio igienico dedicato, tutti i comparti sono climatizzati, è previsto il posto per le biciclette, wi-fi, i sedili sono ergonomici con braccioli e tavolino ribaltabile, in caso di necessità si può inoltrare una chiamata di emergenza al macchinista attraverso un citofono. Il treno è dotato di un sistema di rilevamento ed estinzione incendi.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it