Cronaca

Legambiente: "Bene nuovi treni ma ferrovie sarde abbandonate: servono 2 miliardi"

"In Sardegna l’età media dei treni è di 20 anni ed in altre regioni è anche peggio. Positiva nella nostra regione la messa in servizio dei nuovi treni ma sono necessari almeno due miliardi di eur per recuperare decenni di abbandono delle ferrovie". Lo rende noto Legambiente presentando la campagna Pendolaria 2015.



CAGLIARI - "La messa in servizio dei nuovi treni sulle linee delle Ferrovie dello Stato è sicuramente un segnale positivo, ma assolutamente insufficiente a compensare decenni di abbandono del sistema ferroviario. I tempi di percorrenza elevati ed i disservizi che si sono subito manifestati sono l’espressione macroscopica dell’inadeguatezza del sistema". Lo dichiara la presidente di Legambiente Sardegna, Annalisa Colombu.

La situazione del trasporto ferroviario italiano è sempre più divisa in due, tra un’Alta Velocità con servizi più veloci e moderni e un servizio locale con diffusa situazione di degrado che spinge purtroppo i cittadini all’uso dell’auto privata, con aggravio dei costi, del traffico veicolare, dell’inquinamento.

Eppure, sono circa 3 milioni le persone che ogni giorno utilizzano i treni per raggiungere i luoghi di lavoro o studio. Le ragioni della situazione che vivono i pendolari sono chiare. I treni sono troppo vecchi e circolano su linee ferroviarie antiquate. In Italia attualmente sono circa 3.300 i treni in servizio nelle regioni con convogli di età media pari a 18,6 anni, con differenze però rilevanti da regione a regione. Per la Sardegna si registra una media di circa 20 anni e non è la situazione peggiore. Nonostante un parziale rinnovamento della flotta avviato negli ultimi anni (con la recente dismissione di locomotori diesel, addirittura risalenti al 1957) i pendolari dell’isola lamentano disagi dovuti proprio al materiale rotabile. I problemi si riscontrano su tutte le linee sarde più frequentate come la Oristano-Cagliari, la Cagliari-Iglesias e la Sassari-Alghero dove, specialmente nel periodo estivo, anche i turisti sono vittime delle condizioni vetuste dei convogli.

“Pertanto - ha continuato Annalisa Colombu - si sollecita la Regione affinché predisponga con urgenza un programma speciale di ammodernamento della intera infrastruttura ferroviaria, sia statale che regionale, che si proponga di integrare il trasporto pubblico locale con quello turistico ed il sistema del ferro con quello su gomma.  Si tratta di oltre 1.000 km di linee ferrate la cui riqualificazione richiede un impegno di spesa di oltre due miliardi di euro".

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it