Cronaca

Trapianti record in Sardegna, solidarietà senza confini. Scatta la rivoluzione negli interventi

Donazione di un fegato all'ospedale Brotzu, l'organo arrivato dal Nord Italia. Il mese scorso operazione inversa, generosità nei confronti di un uomo in pericolo di vita. E in sala operatoria arriva il "trapianto diviso".



CAGLIARI - Terzo trapianto di fegato in pochi giorni all'ospedale Brotzu, per una solidarietà che non ha davvero nessun confine. Ad essere trapiantato un paziente sardo con un organo arrivato dal Nord della Penisola, in restituzione di un organo donato dalla Sardegna, lo scorso dicembre, per un codice rosso. Una generosa donazione di una famiglia sarda che ha salvato, in una regione del Nord Italia, una persona in pericolo di vita e che adesso, proprio in arrivo da quelle stessa zona per volontà di una altrettanto generosa famiglia, ha permesso a un uomo sardo di godere di altro tempo con i propri cari.

AL BROTZU TRAPIANTI RECORD E INNOVAZIONE - I chirurghi dell'ospedale cagliaritano, con in testa il primario Fausto Zamboni, stanno per raggiungere il traguardo dei 300 trapianti di fegato realizzati nel loro Centro da quando, nel lontano 2004, è cominciata quest’attività. Il primo trapianto avvenne senza avere ancora ricevuto l'autorizzazione ministeriale, grazie all'intervento del manager Franco Meloni. E, grazie al Commissario straordinario Cristina Pintus, che ha assunto altre due figure professionali per la Chirurgia generale, nel 2016 è possibile realizzare trapianti di fegato diviso  - il cosiddetto 'Split Liver' -. Un tipo di intervento che, a parità di donazioni, consente di incrementare i trapianti del 30 per cento.

"Dopo ogni donazione e ogni trapianto" dall'associazione di trapiantati Prometeo Aitf Onlus spiegano che "è importante ringraziare la famiglia che ha generosamente donato, permettendo a un'altra persona di poter continuare a vivere, e gli operatori sanitari che hanno realizzato il trapianto. Questo è il vero miracolo, l'esistenza di una rete nazionale e, talvolta, internazionale, oltre che regionale, dei trapianti d'organo che funziona e che salva tante persone, grazie alla professionalità e ai sacrifici di tanti uomini e donne della Sanità pubblica, pronti ad attivarsi a qualsiasi ora del giorno e della notte, anche nei giorni festivi. Grazie anche alla direzione dell'ospedale", prosegue la nota della Onlus, "perchè riconosce, con atto formale, il lavoro svolto dalle associazioni di volontariato che operano, senza scopo di lucro, nel nosocomio".

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it