Cronaca

Anni di litigi col vicino pensionato. Giovane perde la testa e lo investe con l'automobile

Tentato omicidio a Terralba. Un 35enne centra in pieno l'anziano dirimpettaio, mandandolo all'ospedale. All'origine del gesto anni di incomprensioni, sfociate anche in denunce. I carabinieri hanno bloccato l'investitore.



TERRALBA (OR) - I caraibinieri hanno arrestato, con l'accusa di tentato omicidio, M.M., nato nel 1981 e residente a Terralba. Una donna poco prima aveva dato l'allarme sostendendo di averlo visto compiere manovre spericolate con l'automobile, culminate con l'investimento di un anziano in via Sa Ussedda. I militari hanno trovato una Volkswagen Golf, ammaccata nella parte sinistra del paraurti anteriore, col parabrezza completamente sfondato, e sono risaliti al proprietario, un carrozziere, già noto alle Forze dell'ordine. Nella circostanza è stata identificata anche la vittima, un pensionato che abita di fianco al carrozziere, col quale da tempo sono sorti dei problemi di vicinato, sfociati in varie cause civili e denunce penali. Fra l'altro la vittima, il 30 aprile 2015 ha subìto un attentato: l'esplosione di una bomba carta ha infatti danneggiato la sua abitazione.

L'investito, dato l'accaduto, è stato immediatamente soccorso e trasportato presso l'ospedale San Martino di Oristano, dove veniva riscontrato affetto da contusioni varie in trauma da aggressione, con una prognosi di dieci giorni, venendo successivamente dimesso. Gli accertamenti tecnici eseguiti nell'immediatezza dai carabinieri di Terralba e le testimonianze raccolte sull'accaduto hanno permesso di ricostruire la dinamica. Il giovane, alla guida del veicolo, notando il pensionato all'interno del vicolo, dopo un breve inseguimento lo ha investito con la parte anteriore facendolo sbalzare sul cofano, tanto da andare a collidere nel parabrezza che veniva completamente danneggiato. L'uomo caduto a terra ha avuto la forza di alzarsi e scappare, circostanza in cui il conducente ha posto in atto manovre repentine per cercare di colpirlo ripetutamente, senza riuscire nell'intento in quanto rifugiatosi all'interno della propria abitazione. 

Il giovane è stato sottoposto a perquisizione personale, e i carabinieri hanno trovato un coltello di genere proibito che è stato sequestrato, così come l'automobile, conservato all'interno di un suo borsello. Per tale motivo è stato anche denunciato con l'accusa di "porto illegale di oggetti atti ad offendere". Essendo titolare di porto di fucile per uso caccia, gli sono state altresì sequestrate cautelativamente le armi e le munizioni legalmente detenute. Il 35enne è stato arrestato e rinchiuso nella Casa circondariale di Oristano, in attesa del processo.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it