Cronaca

Ai domiciliari ma prendevano gli indennizzi. A Teulada due pescatori nei guai

A Teulada due pescatori sono stati denunciati con l'accusa di aver percepito gli indennizzi per l'attività di pesca nell'area del poligono militare nonostante fossero agli arresti domiciliari.



TEULADA -  I carabinieri, nell’ambito delle verifiche sulle istanze di contributo per il fermo pesca relativo alle attività del poligono di Capo Teulada, hanno denunciato due pescatori: M. A. 44enne di Sant’Anna Arresi e B. M. 47enne armatore di Sant’Antioco. I due, per cinque mesi nel 2015, avrebbero percepito l’indennizzo per l'attività di pesca nello specchio di mare interdetto ricadente nella giurisdizione del poligono militare. Dagli accertamenti è risultato che non avevano mai svolto l’attività di pesca in quanto, nel periodo di riferimento, erano entrambi detenuti in regime di arresti domiciliari per reati vari.

Nella foto un'esercitazione nell'area del poligono militare

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it