Cronaca

A Oristano è emergenza acqua non potabile. In azione la Protezione Civile con le autobotti

Impossibile utilizzare l'oro blu che sgorga dai rubinetti nella città di Eleonora, a causa delle piogge che hanno intorbidito l'acqua delle sorgenti. Ecco giorni e orari per rifornirsi.



ORISTANO - L'emergenza idrica viene affrontata direttamente dal Comune attraverso un nuovo ricorso all’apparato della Protezione Civile. "Mettiamo a disposizione dei cittadini le autobotti in diversi punti della città", spiega il sindaco, Guido Tendas. "È una misura che si rende necessaria per il protrarsi dell’emergenza idrica. Da quando le analisi hanno evidenziato la non potabilità dell’acqua da parte dell’ente gestore del servizio idrico, Abbanoa non ha potuto garantire ai cittadini idonei punti di approvvigionamento a causa dell’indisponibilità delle proprie autobotti. C’è stata scarsa informazione sulle misure adottate per ritornare alla normalità e ritardi nel ripristino di questo servizio essenziale. Abbanoa deve comunque assicurare idonei punti di approvvigionamento per la popolazione e nel contempo informare adeguatamente sul proprio operato”.

Nel frattempo il Comune ha nuovamente allertato l’apparato della Protezione civile che da lunedì sarà presente in città con autobotti che distribuiranno l’acqua ai cittadini. Le autobotti sono presenti lunedì 14 marzo dalle 9:00 alle 10:30 a Massama e Nuraxinieddu nei pressi del serbatoio pensile, dalle 11:00 alle 12:30 a Oristano nel piazzale della palestra di Torangius, dalle 13:00 alle 14:30 nel piazzale antistante il vecchio ospedale San Martino e dalle 15 alle 16:30 nella piazza Torrente al Sacro Cuore. Martedì 15 marzo l’autobotte alle 9 rifornirà il carcere di Massama.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it