Cronaca

Alberghi, con il 'miglior prezzo' su internet piccole strutture a rischio sopravvivenza

“E' ora di mettere un freno alle clausole contrattuali che vengono imposte dai grandi portali di prenotazione alberghiera". Appello della Federalberghi ai senatori sardi per rivedere la norma.



CAGLIARI - A pochi mesi dalla stagione estiva Federalberghi Sardegna rilancia la mobilitazione in vista del voto della decima Commissione del Senato che si appresta a votare l'articolo 50 del disegno di legge concorrenza con una norma che tende a superare queste clausole restituiendo competitività al sistema turistico italiano, allineandolo a quanto è stato già fatto in altri paesi. “Se questa norma non dovesse passare sono a rischio in particolare le piccole strutture alberghiere dell'Isola che diventerebbero ostaggio delle multinazionali. Inoltre con questa norma si tutelano i consumatori (ai quali viene offerta la possibilità di accedere a tariffe più basse), le imprese (che vengono poste in condizione di sviluppare liberamente le proprie politiche commerciali) e l'erario (che viene a beneficiare di un maggior gettito, altrimenti destinato ad altri stati o paradisi fiscali)", spiega il presidente regionale di Federalberghi, Paolo Manca. "Lanciamo un appello ai senatori e parlamentari sardi perchè sia il mercato e i nostri piccoli operatori a decidere se adeguarsi alla parità tariffaria o no. Mentre infatti per i grandi portali di intermediazione internazionali la Sardegna è un prodotto come un altro: a loro interessa vendere, gli albergatori sardi non delocalizzano, promuovono il territorio e la destinazione Sardegna”.

“Quindi, se l'articolo 50 non venisse approvato, si determinerebbe uno squilibrio competitivo tra sistemi, a tutto vantaggio di due Paesi (la Francia e la Germania) che sono tra i principali concorrenti dell'Italia", aggiunge Manca, "Purtroppo, dopo un lavoro di squadra che alla Camera si è concluso con un voto bipartisan ed un'approvazione della norma a grandissima maggioranza (434 a favore, solo 4 contrari), la discussione in Senato rischia di essere inquinata da una manina astuta. Mentre i concorrenti francesi e tedeschi già da mesi possono fruire di questa opportunità, le multinazionali dell'intermediazione si stanno dando da fare per zavorrare le imprese italiane. Qualcuno addirittura vuol farci credere che i padroni della rete si stanno prodigando per tutelare gli interessi dei pesci piccoli”.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it