Cronaca

Migranti in fuga dalla Sardegna con documenti falsi. In arrivo 235 a Cagliari

Cinque somali bloccati a Porto Torres, stavano per imbarcarsi sul traghetto per Civitavecchia. Avevano il biglietto, ma le carte d'identitÓ erano contraffatte. Intanto, nuovo arrivo di migranti nel porto del capoluogo sardo.



CAGLIARI - Ancora casi di migranti presenti in Sardegna con documenti falsi. La polizia di Porto Torres ne ha bloccati cinque, dei quali uno minorenne, che stavano per imbarcarsi su una motonave diretta in Italia. Avevano i biglietti, acquistati non si sa bene come online, ma le carte d'identità erano contraffatte. Sono stati portati in questura dove sono stati sottoposti alle procedure di identificazione tramite foto segnalamento per ingresso irregolare nel territorio nazionale e denunciati in stato di libertà per i reati di possesso e fabbricazione di documenti di identificazione falsi e rifiuto d’indicazione sulla propria identità personale. I documenti contraffatti sono stati sottoposti a sequestro. Al termine degli accertamenti il minore è stato affidato ad una struttura dedicata ai minorenni.

Intanto, l'Isola si prepara a ricevere altri 235 migranti: salvati al largo delle coste della Sicilia, giovedì prossimo arrivano nel capoluogo sardo a bordo della nave mercantile greca Rizopon. Già in azione la macchina dell'accoglienza, in campo prefettura e tutte le altre realtà coinvolte. Al porto cagliaritano pronti a tirare di nuovo su le tende del campo per visite mediche e operazioni di identificazione. E prende posizione Noi Con Salvini - Sardegna, attraverso il coordinatore regionale, Daniele Caruso: "La popolazione locale è stanca del continuo approdo di clandestini in Sardegna. I disagi di ordine pubblico verificati nelle scorse settimane e la paura della diffusione di terribili malattie, rendono difficile comprendere quale sia la strategia nel continuare a portare in Sardegna centinaia di falsi profughi, che, si sa già, una volta arrivati, chiederanno di andarsene, con grande sperpero di denaro pubblico. Nei gazebo dello scorso fine settimana abbiamo ricevuto decine di cittadini preoccupati ed esasperati dalla situazione. Presidente della Regione, sindaco e prefetto di Cagliari inizino a tutelare la popolazione locale".

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it