Cronaca

Residence vista golfo "immerso" in una truffa milionaria. Stroncato asse illegale Sardegna-Campania

Fatture gonfiate per ristrutturazioni "spalmate" tra gli inquilini del "Rocce Rosse" di Teulada. 11 denunciati, a capo un commercialista di Avellino. Le accuse sono tante, da truffa a estorsione.



CAGLIARI - La Guardia di Finanza di Sarroch, dopo una lunga indagine, riesce a mettere nel sacco undici persone - dieci di origine campana - accusate di truffa milionaria - ben 1 milone e 800mila euro - ai danni degli inquilini del residence Rocce Rosse, nel golfo di Teulada. La struttura, occupata per metà da un albergo di una società di Avellino, sono stati svolti lavori di ristrutturazione durati anni.

Stando alla ricostruzione dei finanziari, un commercialista di Avellino, in combutta con l'amministratore della struttura, un cagliaritano, avrebbe messo nelle mani di una società con sede in Campania tutti i lavori. Una società, riconducibile allo stesso commercialista, che non ha mai presentato preventivi di spesa, subappaltando i cantieri ad altre società campane. Al momento della riscossione, uno studio professionale avellinese avrebbe aumentato i metri quadri della struttura di proprietà dei privati, con gli inquilini costretti a pagare le spese dei lavori svolti nella parte dell'hotel. Sono state anche prodotte fatture, per lavori mai svolti, pari a 5 milioni di euro.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it