Cronaca

La vita nei campi e la sfida per un clima migliore. Dagli Stati Uniti studenti in missione in Sardegna

Sei giovani della Penn State University della Pennsylvania sbarcano all'Università di Sassari. Trentasei mesi di studio e esperienza letteralmente "sul campo", tra mitigazione dei cambiamenti climatici e lotta alle emissioni di gas serra.



SASSARI - Sei tra i migliori studenti di prestigiose Università degli Stati Uniti, accompagnati dai loro supervisori Armen Kemanian e Laura Leites, professori della Penn State University, sono ospiti della sezione di Agronomia coltivazioni erbacee e genetica del Dipartimento di Agraria per un periodo di tirocinio sul campo nell'ambito del progetto Ires-Nsf: "Usa-Italy International Research Experience for Students: Investigating Mediterranean Silvo-Arable-Pastoral Ecosystems by Combining Measurements with Statistical and Mechanistic Models". L'esperienza formativa riguarda lo studio degli ecosistemi agro-silvo-pastorali mediterranei, con particolare attenzione verso il tema della mitigazione dei cambiamenti climatici. La ricerca in campo agronomico è finalizzata a studiare sistemi e tecniche che consentano di massimizzare il contributo del settore agro-zootecnico alla mitigazione delle emissioni di gas serra in atmosfera e di aumentare la capacità degli agro-ecosistemi di adattarsi alle mutate condizioni climatiche.

Il progetto, della durata di tre anni, viene portato avanti in collaborazione tra l'Università degli Studi di Sassari e la Penn State University in Pennsylvania. I docenti coinvolti sono Pier Paolo Roggero, Giovanna Seddaiu e Luigi Ledda del Dipartimento di Agraria UNISS e Armen Kemanian - Associate professor di Production System and Modelling del dipartimento di Plant Science - e Laura Leites - Assistant professor di Quantitative Forest Ecology del dipartimento di Ecosystem Science and Management, entrambi del Penn State College of Agricultural Science. Gli studi sono stati inseriti nel contesto delle ricerche condotte dal Dipartimento di Agraria nell'osservatorio di lungo termine di Berchidda-Monti, dove gli studenti Leah Carter (Colorado State University) Lauren Onofrio, Alex Curtze e Grant Smith (Pennsylvania State University), in collaborazione con Chiara Cappai, post-doc dell'Ateneo sassarese, hanno misurato lo stock di carbonio associato ai boschi e ai pascoli arborati con sughere.

Presso l'Azienda sarda della Cooperativa Produttori Arborea, gli studenti Jonathan Stephens (Pennsylvania State University) e Gracie Valdez (St. Mary's University - Texas), in collaborazione con Antonio Pulina, dottorando di ricerca, e Margherita Rizzu hanno misurato l'effetto di diversi sistemi di fertilizzazione sulle emissioni di protossido di azoto dal suolo. I dati raccolti sul campo e in laboratorio saranno utilizzati per la calibrazione di modelli matematici che contribuiranno a valutare il contributo degli agroecosistemi mediterranei alla mitigazione delle emissioni climalteranti. Lo sviluppo del progetto è stato possibile grazie ai fondi dalla National Science Foundation americana (award # #1358189) e dei progetti della Legge 7 del 2007 della Regione Sardegna "Pascuum" e Jpi Facce Macsur dell'Università di Sassari.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it