Cronaca

Comunità terapeutica vince bando ma resta chiusa. A Cagliari battaglia di familiari e lavoratori

La cooperativa Asarp Uno contro la Regione, la struttura "Franca Ongaro Basaglia" a Villanova rimane senza gli ospiti. "Ritardi nell'accreditamento ingiustificati, pronti a nuove azioni legali".



CAGLIARI - La protesta dei familiari e degli operatori per i ritardi sull'apertura della Comunità Basaglia, che vince il bando ma tarda ad aprire. A denunciarlo è l'Asarp Uno: un "assurdo e incomprensibile ritardo nella definizione dell'accreditamento della Comunità terapeutica 'Franca Ongaro Basaglia' da parte della Regione Sardegna". La cooperativa sociale nasce per volontà dell'associazione dei familiari Asarp nel 1993 per proporre e offrire progetti innovativi di intervento nel campo della salute mentale. Nel 2013 partecipa ad una gara d'appalto della Asl 8 di Cagliari per la realizzazione di comunità terapeutiche da attivarsi sul territorio di competenza della stessa Asl. La cooperativa propone un progetto e nel settembre del 2014 si aggiudica la gara (unica concorrente per la città di Cagliari). La cooperativa deve mettere a disposizione della ASL la struttura arredata e attrezzata di tutto punto e il personale di comprovata esperienza. "Deve inoltre rispondere ai criteri strutturali indicati dalla Regione Sardegna. Per ottemperare a ciò si assume un impegno finanziario rilevante per dotare la struttura di tutti quegli standard di qualità e di funzionalità richiesti". Nel marzo del 2015 (completati tutti i lavori di ristrutturazione e dotata la Comunità di tutti gli arredi e attrezzature), "avvia la procedura con l'Assessorato Regionale alla Sanità per l'ottenimento della compatibilità, l'autorizzazione al funzionamento e l'accreditamento".

Gisella Trincas presidente dell'associazione sarda per l'attuazione della riforma psichiatrica racconta il travagliato iter della nascità della nuova comunità: "La compatibilità viene rilasciata ben 5 mesi dopo la richiesta. Nello stesso mese viene presentata la seconda istanza per l'autorizzazione al funzionamento e il sopralluogo dei tecnici avviene il 10 novembre 2015 a distanza di tre mesi dalla formale apertura dell'istruttoria. Dopo innumerevoli solleciti da parte della cooperativa, l'autorizzazione al funzionamento viene concessa il 3 marzo 2016, è passato un anno dall'avvio della pratica da parte della cooperativa", conclude la Trincas, "si aspettava quindi da lì ad un mese anche la concessione dell'accreditamento per poter aprire finalmente la Comunità. Invece salta fuori una nuova istruttoria "la funzionalità". I funzionari dell'assessorato avviano quindi questa ulteriore procedura "chiedendo alle Asl di pronunciarsi in merito. I funzionari citano la delibera di Giunta 22/24. Da un'esame della stessa deliberazione, la Cooperativa evidenzia che tale procedura non andava applicata per le comunità terapeutiche come dichiarato nello stesso atto, e contesta tale procedura anche con una lettera formale del legale della cooperativa".

Stefania Matta, presidente della cooperativa Asarp Uno descrive le conseguenze dei ritardi della Regione: "Il parere dell'assessorato alla Sanità sulla funzionalità viene comunque rilasciato il 22 giugno. Gli avvocati della cooperativa diffidano formalmente l'Assessorato alla Sanità invitandolo a concedere l'accreditamento con immediatezza. I funzionari rispondono che si deve tener conto della mole di lavoro dell'assessorato", afferma la Matta, "l'associazione dei familiari Asarp e la cooperativa sociale Asarp Uno nonostante le ripetute sollecitazioni e anche le diffide formali inoltrate all'assessorato regionale alla sanità denunciano l'assurdo ritardo nell'accreditamento che può consentire l'avvio della comunità terapeutica. Se tale accreditamento non perverrà in questi giorni ci saranno ulteriori azioni legali a tutela della cooperativa".

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it