Cronaca

L'ex Marino torna alla Prosperius. Sulla mancata riqualificazione il Tar dà le colpe alla Regione

Il tribunale amministrativo annulla la decadenza della concessione alla Prosperius decisa dalla Regione e riconsegna l'ex ospedale Marino alla società privata.



CAGLIARI - Nuovo episodio nella vicenda burocratica dell'ex ospedale Marino sulla spiaggia del Poetto. Il Tar con una sentenza ha accolto il ricorso della società Prosperius alla quale la Regione a maggio aveva annullato la concessione per poter realizzare un centro di riabilitazione di alto livello. 

I giudici amministrativi ripercorrendo le tappe dell'ingarbugliata vicenda ricordano come "nel 2014 la Prosperius, pur sollecitandolo, non è riuscita a stipulare il relativo contratto di concessione d’uso dell’immobile con la Regione, per mancata disponibilità da parte dell’Amministrazione". Sarebbero proprio le mancanze dell'amministrazione regionale a dar ragione alla società che si è aggiudicata il bando di gara pubblicato nel 2006.  "La decadenza - si legge nella sentenza -  è illegittima perché dispone un provvedimento lesivo, che azzera i lavori di oltre un decennio per l’assegnazione di un'opera che la Regione, nel bando del 2006, prevedeva che avrebbe dovuto realizzarsi in 2 anni". 

Inoltre si afferma che non esiste, al momento, alcun atto amministrativo che dimostri una diversa volontà da parte degli enti coinvolti per il futuro dell'immobile. Sulla stampa si è parlato di realizzare un hotel ma questa volontà non è mai finita negli atti pubblici delle amministrazioni. Dunque ora la palla torna alla Prosperius e la Regione nel caso in cui voglia cambiare la destinazione dell'ex Marino dovrà procedere con una revoca che "in senso proprio, avrebbe come effetto, il riconoscimento di un indennizzo in favore del privato".

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it