Cronaca

140 migranti sbarcati nelle coste del Sulcis. Saranno trasferiti nelle province sarde

Gli algerini arrivati portano a quota 499 il numero dei "disperati del mare" giunti nella provincia sarda. La prefettura li suddivide tra Sassari, Nuoro e Oristano. "Incremento negli ultimi due anni".



CAGLIARI - Nuovi sbarchi di migranti nel Sulcis: aiutati dalle favorevoli condizioni del mare, in 140 hanno raggiunto le coste sarde. Dieci di loro sono minori. Sono stati tutti rintracciati dalle forze di polizia e portati in una cooperativa di Assemini che si occupa della prima accoglienza. Tempi rapidi per le procedure di identificazione e fotosegnalamento - competenze della questura - poi saranno trasferiti in altre strutture dell'Isola.

In 54 finiranno a Sassari, a Nuoro invece in diciotto e tredici ad Oristano. Gli altri, invece, rimarranno nel territorio sulcitano. Dalla prefettura, che ha deciso di attivare il piano regionale di distrubuzione, fanno sapere che c'è un aumento degli sbarchi. Quelli avvenuti "sulle coste meridionali della Sardegna, che si aggiungono a quelli delle navi Frontex che giungono nel porto di Cagliari, hanno fatto registrare, in particolare negli ultimi due anni, un nuovo incremento, dopo un lungo periodo di assenza del fenomeno". Nel 2014 sono stati 159, l'anno scorso 291 e, nei primi otto mesi di quest'anno, si è già toccata la cifra di 499. 

La prefettura si è dotata  "di un piano di intervento speditivo per l’accoglienza dei migranti in arrivo, che coinvolge tutto il sistema dell’accoglienza territoriale, con l’insostituibile contributo delle forze di polizia e, in particolare, della polizia di Stato, impegnata in prima linea nelle operazioni di rintraccio e identificazione degli stranieri".

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it