Cronaca

Alluvione 2013, il timore delle aziende: "Tagliate fuori dai risarcimenti". Ma la Regione nega

Alluvione del 2013 in Sardegna, l'accusa di Confesercenti: "Commercianti tagliati fuori dai rimborsi". La Regione replica: "Contributi anche alle aziende"



CAGLIARI - La Sardegna è tra le regioni ammesse alla seconda fase dell'istruttoria per la concessione di contributi statali a privati e attività economiche colpiti dall'alluvione nel 2013. "Eppure dei 19,5 milioni di euro dei fondi statali, a cui si sommano i 4 milioni di risorse regionali, alle attività produttive non andrà neanche un euro. Solo i cittadini potranno presentare domanda di contributo mentre i commercianti dovrebbero aspettare al 2017 eventuali risorse statali di cui non c'è affatto certezza". Lo scrive in una nota la Confesercenti regionale. 

"L'ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione civile nazionale - si legge nel comunicato -, pubblicata nella Gazzetta ufficiale sabato 20 agosto, dopo tre anni di attesa, consentirà soltanto ai cittadini di ricevere finalmente i contributi per gli eventi di calamità naturale con tempi strettissimi e una procedura che fa venire tanti dubbi sulla natura marcatamente elettorale dell'operazione".

Di contro arriva la replica dalla Direzione regionale della Protezione civile: "Le attività produttive non sono escluse dai fondi per l'alluvione 2013 e, una volta avviata quella per i cittadini, saranno oggetto di una specifica procedura con ulteriori risorse secondo i criteri della delibera del Consiglio dei Ministri del 28 luglio 2016. Anche in questo caso si darà ampia informazione. Sono quindi infondati i timori della Confesercenti in merito a una presunta esclusione delle aziende dal ristoro dei danni subiti a seguito degli eventi calamitosi del 2013, come ben specificato nell'ordinanza del Dipartimento nazionale".

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it