Cronaca

"Patacche" vendute come gioielli preziosi. Maxi truffa a Sassari, finta turista 29enne denunciata

La donna, in trasferta dal Napoletano, riesce a piazzare il "finto oro" ad alcune gioiellerie, intascando molti soldi. I monili vengono analizzati meglio e salta fuori la fregatura. Scatta la denuncia.



SASSARI - Gli agenti della squadra mobile della questura del capoluogo turritano, dopo una lunga indagine, hanno denunciato una giovane 29enne residente nell’hinterland di Napoli, a carico della quale si procede per truffa pluriaggravata, ricettazione ed uso di cose con impronte di pubblica autenticazione contraffatte. La donna, in passato, era già finita nei guai per motivi identici, legati a vendite di merce fasulla effettuate in altre parti d’Italia. La vicenda risale alla scorsa primavera quando la ragazza, dai modi gentili e di bell’aspetto, fingendosi una turista di passaggio, si era presentata in alcune gioiellerie di Sassari e di Alghero ove aveva esibito svariati gioielli in oro bianco (catenine e braccialetti) e, facendo credere che si trattasse di preziosi di famiglia, li aveva ceduti alle gioiellerie ricevendo il corrispettivo del loro valore, per alcune migliaia di euro. Le vittime non avevano sospettato nulla, il materiale, apparentemente di ottima fattura, era una perfetta imitazione di gioielli in oro bianco, e, al momento della cessione era stato sottoposto ad un “test immediato ” per la verifica della presenza di metallo nobile con esito positivo, inoltre era munito di regolare punzonatura di identificazione della caratura “750”, nonché del timbro di fabbricazione riconducibile ad una bottega artigiana toscana specializzata nella lavorazione e produzione di preziosi.

Dopo alcune settimane le vittime, sospettando irregolarità, avevano presentato denuncia; venivano così eseguiti sulla merce più approfonditi esami di laboratorio dal cui esito si scopriva la truffa consumata poiché quei monili, erano stati prodotti con una lega di semplice metallo mentre non vi era alcuna traccia di oro né di altro metallo nobile. Le accurate indagini avevano permesso di risalire all’identità della cliente che è stata così deferita all’autorità giudiziaria. Si è anche scoperto che la punzonatura dei preziosi era stata eseguita con l’abile clonazione del timbro di identificazione della fabbrica produttrice. La vicenda non è isolata. Circa due anni fa, gli investigatori avevano scoperto un gruppo di ragazze, anch’esse provenienti dalla Campania ritenute responsabili di numerose truffe ai danni di gioiellerie, eseguite con l’identica tecnica e che avevano provocato un rilevante danno economico alle vittime. Sono in corso ulteriori accertamenti per individuare eventuali reti di collegamenti tra i vari gruppi criminali dediti a simili reati.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it