Cronaca

La Brigata Sassari ritorna a casa. "Grande opera dei Dimonios in Libano"

Passaggio di consegne nel paese del Vicino Oriente, arriva la brigata di cavalleria Pozzuolo del Friuli. I sassarini riabbracciano i propri cari. "Sempre distinti per operazioni importanti".



BEIRUT (LIBANO) - La Brigata di cavalleria Pozzuolo del Friuli subentra alla Brigata Sassari al comando dell'operazione "Leonte" inserita nella missione Unifil (United Nations Interim Force in Lebanon), la Forza di interposizione delle Nazioni Unite nel Sud del Libano. Il passaggio di responsabilità tra il cedente Generale Arturo Nitti e il subentrante Generale Ugo Cillo si è svolta alla presenza del generale irlandese Michael Beary, Capo missione e Comandante delle forze Onu nel Libano meridionale, del Generale Giovanni Fantuzzi, vicecomandante del Comando Operativo di vertice Interforze (COI), e delle massime autorità civili, religiose e militari del Libano del Sud. "Durante questi sei mesi gli uomini e le donne della Brigata "Sassari" si sono distinti nel condurre una serie di attività operative che sono la ragione di vita dei "caschi blu" di Unifil", così il generale Beary, che dispensa parole positive: "Siate fieri del legame che avete instaurato con la popolazione locale, testimoniato dalle autorità libanesi qui presenti oggi, segno dell'affetto e del rispetto della popolazione libanese".

Nel fare riferimento alla complessità e alla costante evoluzione dello scenario nel quale hanno operato i militari italiani di Unifil, il generale Nitti sottolina che "il successo della missione è stato determinato dalla professionalità e dall'approccio di ogni singolo peacekeeper, improntato al rispetto e sostenuto da passione, dedizione e spirito di servizio". L'operato della Brigata Sassari è stato incentrato sul dialogo con le autorità civili e religiose locali, e volto al supporto della popolazione civile tramite la realizzazione di progetti di cooperazione civile-militare nei settori della sanità, dell'istruzione e dei lavori pubblici. Ulteriore impegno dei Dimonios è stato il mantenimento della stabilità dell'area, nonché l'incremento delle attività operative e addestrative, il tutto d'intesa con le forze armate libanesi, nell'ottica di una loro sempre maggiore ed autonoma capacità d'intervento in tutta l'area di responsabilità, specialmente lungo la "Blue line", la linea di demarcazione che separa il Libano da Israele.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it