Cronaca

Le trappole della povertà in Sardegna. Storie, dati e sos al tempo della crisi

La ricerca promossa da Sardegna Solidale, coinvolte decine di famiglie: senza lavoro problemi con la casa e la salute. Un possibile salvagente? Il microcredito (che non c'è). I soldi? Più importanti migliori servizi.



CAGLIARI - La povertà si combatte migliorando i servizi: lo spiega la ricerca "Le trappole della povertà in Sardegna". Commissionata da Sardegna Solidale e realizzata dalla Fondazione Zancan, la ricerca è stata condotta intervistando 52 famiglie povere che hanno raccontato quali aiuti sono più utili e quali invece assolutamente carenti. E i risultati dimostrano che la forma più gradita di sostegno è quella del microcredito, mentre ai contributi economici e ai beni materiali di prima necessità le famiglie hanno attribuito un livello di utilità più basso. Per combattere la povertà non servono più soldi ma migliori servizi. Perché la povertà raccontata dai poveri è ben diversa da quella immaginata dalle amministrazioni, che pure investono cifre poderose (in Sardegna la spesa pro capite è di 108 euro, a fronte dei 38 euro di media nazionale) per raccogliere però risultati parziali, se non insoddisfacenti. È il risultato della ricerca "Le trappole della povertà in Sardegna: soluzioni e strategie", realizzata dalla Fondazione Zancan su commissione del Centro di servizio per il volontariato "Sardegna Solidale" e presentata nel capoluogo sardo nel corso di un incontro nell'Aula magna della pontificia facoltà Teologica della Sardegna.

La ricerca si è basata su 52 interviste ad altrettante famiglie povere sarde, ed è stata integrata da due focus group a cui hanno partecipato esperti, volontari ed amministratori. Il risultato è un quadro inedito del fenomeno perché "anche in Sardegna si continuano a fare politiche contro la povertà senza sentire i maggiori esperti: cioè i poveri", ha affermato Giampiero Farru, presidente di Sardegna Solidale. La domanda di partenza è stata: quali sono i principali fattori legati alla condizione di povertà, soprattutto di lunga durata, delle famiglie? Ogni famiglia ha indicato in media tre criticità e la prima (richiamata con una percentuale del 95 per cento) è stata l'assenza di un lavoro, seguita da problemi legati all'abitazione (65 per cento) e alla salute (58 per cento). "È evidente dunque che una semplice erogazione finanziaria non risolve assolutamente la gran parte dei problemi connessi alla povertà, che è un fenomeno generato da fattori concomitanti che dunque necessita di una molteplicità di azioni", ha spiegato il direttore della Fondazione Zancan, Tiziano Vecchiato.

Con la seconda domanda è stato chiesto alle famiglie di indicare gli interventi, forniti da soggetti pubblici o privati, che li hanno aiutati maggiormente. Il 95 per cento delle famiglie ha ottenuto contributi, il 69 aiuti di prima necessità e il 29 per cento assistenza abitativa. Servizi di orientamento e sostegno, agevolazioni sui servizi per bambini/ragazzi e assistenza domiciliare hanno riguardato rispettivamente il 27, 23 e 13 per cento delle famiglie. A fornire questi aiuti sono stati nell'11,7 per cento dei casi familiari o amici (e quasi due terzi di questi aiuti sono stati contributi a sostegno del reddito del nucleo), nel 33,1 per cento enti privati (associazioni, organizzazioni di volontariato), e nel 55,2 per cento enti pubblici di vario livello. In questo caso, circa tre quarti degli aiuti sono stati contributi economici diretti (erogazioni di sostegno al reddito, contributi per lavori socialmente utili, pensioni e indennità di invalidità) o indiretti (contributi per visite mediche e farmaci, per affitto o utenze).

Ma come le famiglie hanno valutato gli aiuti ricevuti? Su una scala da uno a cinque, il livello medio di utilità degli aiuti ricevuti è quasi 3,7. Ma non tutti gli interventi sono stati ritenuti ugualmente utili. Paradossalmente, ai contributi economici e ai beni materiali di prima necessità le famiglie hanno attribuito un livello di utilità più basso (tra 3,5 e 3,6), mentre al sostegno fornito in forma di prestiti agevolati è associato il massimo livello di utilità (punteggio medio 5,0), seguiti dai servizi di assistenza abitativa (4,7), orientamento/sostegno psicosociale e assistenza sociosanitaria (4,5), servizi di assistenza domiciliare (3,9) e accoglienza residenziale (3,6). "Se i servizi di microcredito sono i più apprezzati significa che le persone vogliono restituire le risorse ricevute", ha spiegato Vecchiato, "segno che l'assistenzialismo non è ineluttabile ma è generato dalle politiche messe in campo". Per quanto riguarda invece gli aiuti non ricevuti, le famiglie hanno individuato 152 aiuti di cui avrebbero avuto bisogno. Il 71 per cento ha lamentato l'assenza di servizi per il lavoro, il 60 di contributi e il 20 di assistenza abitativa. Ma non tutti gli aiuti "mancati" hanno pesato ugualmente sulle famiglie in difficoltà. Il livello massimo di gravità è stato associato alla mancanza di sostegno socio educativo (dopo-scuola per i figli), supporto psicologico o informativo, assistenza sanitaria, sociosanitaria e domiciliare, agevolazioni sul credito. Di poco inferiore (4,9) è il livello medio di gravità attribuito al mancato sostegno per la frequenza di servizi educativi e percorsi scolastici dei figli (servizi di trasporto e mensa scolastica, borse di studio, agevolazioni per nidi). 4,7 è il livello medio di gravità associato alla mancanza di servizi di orientamento e intermediazione al lavoro. Minore è invece la gravità media attribuita al mancato ricevimento di contributi economici (4,5) e beni materiali di prima necessità (4,2).

LE STORIE - Sotto questo aspetto, sono significative alcune voci raccolte nel corso della ricerca. "I servizi per l'impiego non ti rispondono...tutti vogliono persone con esperienza, ma se non ti fanno fare neppure un tirocinio...", o "Mi sono rivolta a enti o associazioni solo quando mi sono trovata alle strette, e ho sempre chiesto il meno possibile ... spesso mi sono trovata di fronte a persone che mi hanno umiliata...lo vedo anche in comune...come si permettono di etichettare, di non portare rispetto...non tutti son così, ma alcuni sì, e danno molto fastidio...non so, è una questione di approccio iniziale: gli aiuti ci sono, ma il modo con cui vengono fatte queste cose fa la differenza...". Altra testimonianza, naturalmente protetta dalla privacy: "Parlo solamente del problema di mio figlio, lo Stato cioè non esiste...la Asl diciamo non esiste...un colloquio faceva ogni due mesi perché c'era una neuropsichiatra che doveva seguire mille bambini...I servizi per il figlio non ci sono stati, assenti, irreperibili."

L'ultima parte dell'intervista alle famiglie ha cambiato prospettiva, secondo l'idea guida del welfare generativo per cui la lotta alla povertà non può prescindere dall'idea che "non posso aiutarti senza di te". Il 73 per cento delle famiglie ha così affermato di essere pronta a mettere a disposizione della comunità (vicini di casa, associazioni di volontariato, parrocchia ecc.) le proprie risorse o capacità. "In questo ambito il volontariato può fare molto", ha spiegato Vecchiato, "facendo incontrare offerta e domanda, tenuto conto che le famiglie hanno espresso un giudizio positivo sull'importanza del ruolo delle associazioni di volontariato nel sostenere le famiglie povere, attribuendo un punteggio medio pari a 4,1.

Al termine della presentazione (a cui hanno preso parte anche il presidente del Comitato promotore del Csv Sardegna Solidale don Angelo Pittau, il direttore regionale della Caritas, don Marco Lai, il presidente del Co.Ge. Sardegna Bruno Loviselli, il consigliere regionale Luca Pizzuto e il responsabile del Servizio Studi e Ricerche di Caritas Sardegna Raffaele Callia), sono state premiate le associazioni partecipanti al concorso "Poveri per sempre?", promosso da Sardegna Solidale per far emergere le strategie contro la povertà messe in campo dal volontariato nei vari territori. Alla premiazione sono intervenuti Vittorio Pelligra (docente di Politica Economica all'Università di Cagliari),
Gianni Concas (volontario Mensa del Viandante) e 
Linda Migliaccio (presidente del Gruppo Volontariato Vincenziano Sardegna).

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it