Cronaca

Cocaina tra pizze e patatine. Padre e figlio pizzaioli-spacciatori nel sacco a Cagliari

Non solo semplice farina per l'impasto, ma anche la polvere bianca illegale. Un 39enne e un 18enne, gestori di una pizzeria in via Crespellani, avevano tirato su un mercato della droga. Sgominati dalla polizia.



CAGLIARI - L'attività di pizzaioli, forse, non bastava a incassare abbastanza denaro. Così, tra una pizza e una porzione di patatine, padre e figlio hanno iniziato a vendere anche cocaina. Tanta polvere bianca, che ha fruttato bene: gli agenti, intervenuti in una pizzeria di via Crespellani, hanno trovato oltre 8 grammi di coca e 65 euro in contanti. In seguito a una perquisizione nella casa dei due, è saltato fuori il grosso: altre dosi, involucri di cellophane e quasi 3mila euro in contanti. Ovunque, inoltre, gli agenti hanno riscontrato chiari segni legati al confezionamento della droga.

G.P.R., 39 anni, e il figlio 18enne F.R, entrambi cagliaritani, sono stati arrestati con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Su disposizione del pubblico ministero, i due sono potuti tornare a casa in attesa del processo per direttissima.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it