Cronaca

Maltempo, è ancora allerta gialla nel nord Sardegna. Acquazzoni nel Cagliaritano

Temporali nella costa est e in Gallura, nessun allarme ma pioggia prevista anche nel sud. Allarme confermato per la giornata di martedì 24 gennaio. Dalla Regione tre milioni per i danni.



CAGLIARI - Operativa 24 ore su 24, la Sori (Sala operativa regionale integrata), che segue la situazione di allerta gialla in Gallura e Flumendosa-Flumineddu, decide di estendere il rischio idrogeologico e idraulico per tutta la giornata di martedì 24 gennaio. Nel sud, nell'area del Cagliaritano, nessun allarme ma previsti acquazzoni e temperature in calo di tre-quattro gradi rispetto alle medie del periodo. Intanto, la Regione mette a correre una prima tranche di fondi, destinatari cittadini privati e realtà pubbliche, per "riparare" ai danni dell'ultima e recentissima ondata di maltempo.

CONTRIBUTI AI PRIVATI - "Oltre ai 2 milioni disponibili da subito per sostenere con urgenza le spese di primo intervento affrontate dalle Amministrazioni locali, anche un milione è già disponibile per l'aiuto ai privati e alle attività produttive che non sono finanziate con specifiche leggi di settore", dice l'assessore regioanle dell'Ambiente, Donatella Spano. "Uno strumento normativo innovativo che mancava e abbiamo appositamente ideato nel 2015 istituendo la legge regionale 26, consci che bisogna essere preparati anche finanziariamente alle conseguenze spesso disastrose degli eventi estremi. La Regione resta in ascolto, oltre che dei sindaci e delle popolazioni, anche degli imprenditori agricoli. Adesso la cosa importante è che ciascuno rispetti i tempi delle procedure, per garantire la massima rapidità degli interventi". 

MISURE REGIONALI DISPONIBILI - La legge 28 prevede il risarcimento degli interventi degli Enti locali legati a calamità ed eccezionali avversità naturali. I Comuni, dopo aver chiesto lo stato di calamità naturale, hanno quindi 180 giorni di tempo per consegnare la relazione descrittiva dei danni. La legge 26 prevede l'istituzione di un fondo regionale per consentire alla Regione di intervenire attraverso i Comuni in maniera più diretta, in caso di calamità, a favore dei privati e alle attività produttive che non sono finanziate con specifiche leggi di settore per danni a beni mobili e immobili. Prevede l'erogazione di un contributo ai soggetti danneggiati una volta terminate le ricognizioni e attivate le procedure.

Infine, nel Programma di sviluppo rurale (Psr) la Misura 5 è specificatamente dedicata al "Ripristino del potenziale produttivo agricolo danneggiato da calamità naturali e da eventi catastrofici e introduzione di adeguate misure di prevenzione", una volta verificati i danni con i tecnici delle  Agenzie regionali mobilitati per i controlli nelle aziende.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it