Cronaca

Ambientalisti contro ciclisti. "La Sella del Diavolo sfregiata dalle vostre ruote" - LE FOTO

Grig e Amici della Terra all'attacco sulle condizioni del colle di Cagliari, pubblicate fotografie di rocce e alberi spezzati. "╚ un'area naturalistica, non un circuito".



CAGLIARI - È guerra tra ambientalisti e ciclisti sull'utilizzo della Sella del Diavolo. Il colle che si butta a capofitto sul mare, infatti, diventa terreno di scontro tra associazioni ecologiste e amanti delle due ruote senza motore. Percosi naturalistici ed ecosistema danneggiato: queste le accuse mosse dal Gruppo d'intervento giuridico e Amici della Terra. Con tanto di corredo fotografico, le due onlus puntano il dito contro i tantissimi appassionati della bicicletta.

"Troppi ciclisti in mountain bike, spesso poco attenti agli escursionisti a piedi e, soprattutto, incuranti dei danni al fondo naturale in calcare e alla vegetazione. Purtroppo, non sono isolati i recenti tagli alla macchia mediterranea per aprire nuovi percorsi. Si tratta di un'area di grandissima importanza naturalistica, non di un circuito ciclistico. Un po' di buon senso". Le associazioni ecologiste chiedono al Comune di Cagliari, al Servizio Tutela della Natura della Regione e alla Direzione generale Protezione della Natura del ninistero dell'Ambiente "l'adozione delle opportune misure di salvaguardia e difesa delle condizioni naturalistiche della Sella del Diavolo, fra cui la limitazione dell'accessibilità con mountain bike".

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it