Cronaca

"Rischio elevato di cedimenti", la questura sbarra (un'altra volta) il ponte di Oloè

Nuovo capitolo nella travagliata vicenda della Provinciale che collega Oliena con Dorgali, nel Nuorese. La lingua d'asfalto teatro di una morte nell'alluvione del 2013 viene chiusa dopo i rilievi dei periti.



NUORO - La questura chiude, nuovamente, il ponte di Oloè. Troppo rischioso transitarci sopra, il rischio di un crollo è quasi certo. Almeno, così emerge dai risultati delle ultime perizie. La lingua d'asfalto della Provinciale 46,tra Oliena e Dorgali, viene quindi sequestrata. La decisione è del gip del tribunale di Nuoro, Mauro Pusceddu. A preoccupare la magistratura sono le condizioni strutturali del ponte, gravemente danneggiato in occasione delle alluvioni del novembre 2013. In quell'occasione, la tragegia: un'auto della polizia finisce inghiottita in seguito al crollo, e perde la vita l'agente Luca Tanzi della questura barbaricina. Poi, i lavori di ripristino. Che, a quanto pare, non sono sufficienti.

Le ultime consulenze peritali richieste dall’autorità inquirente confermano “l’ulteriore e progressiva riduzione della sicurezza statica del ponte”, presentando tale struttura “una situazione di rischio elevato tale da non consentirne la transitabilità neppure a senso alternato e se pure con traffico limitato a mezzi leggeri”. Da qui l’esecuzione del provvedimento a cura del personale della squadra mobile di Nuoro, "in attesa dei celeri accertamenti tecnico investigativi sullo stato della struttura e della totale eliminazione del pericolo alla quale è esposta la collettività".

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it