Cronaca

Petardi e sassi contro la polizia. Corteo-guerriglia a Napoli contro Salvini

Le vie del capoluogo campano come un campo di battaglia, la protesta dei centri sociali sfocia in guerriglia. Numerosi i manifestanti con caschi e a volto coperto. Agenti in azione con camionette e lacrimogeni.



Fitto lancio di petardi e oggetti da parte di un gruppo di manifestanti che si è staccato dal corteo organizzato contro l'arrivo di Matteo Salvini a Napoli. In piazza qualche migliaio di persone, circa 5mila. Le forze dell'ordine schierate in assetto antisommossa a piazzale Tecchio, nei pressi della Mostra d'Oltremare, hanno risposto lanciando lacrimogeni e azionando gli idranti. Il corteo ha preso il via da in piazza Sannazaro il concentramento dei manifestanti che in corteo tentano di raggiungere la mostra d'oltremare di Napoli, dove si svolge la convention del movimento noi con Salvini alla presenza del leader della Lega.

Tante le sigle, le associazioni e i movimenti in piazza. I manifestanti hanno portato anche una ruspa, alla quale è stato affisso un ironico "foglio di via dal Sud" per Salvini. Bandiere rosse, del movimento '"Dema" riconducibile al sindaco di Napoli Luigi de Magistris, dell'Urss, di Cuba e del Regno delle Due Sicilie, immancabili i cori anti Lega e anti Salvini. 

ADNKRONOS
Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it