Cronaca

Cagliari, battaglia sulla movida in centro. La Regione: "Non mettiamo a rischio i posti di lavoro"

"Nessuna sollecitazione a chiudere le attività commerciali e di ristorazione dei quartieri Marina e Stampace è stata inviata dall'Assessorato della Difesa dell'Ambiente all'Amministrazione comunale di Cagliari".



Lo precisa la Regione dopo le polemiche innescate sulla stretta agli orari di chiusura dei locali nel centro storico di Cagliari. In una nota la Regione ricostruisce l'iter che ha portato a prendere una decisione.  Tutto è partito dopo una richiesta da parte della Prefettura di Cagliari sollecitata dalle proteste del Comitato No Rumore. Dopodiché l'Arpa Sardegna ha effettuato nel 2014 delle rilevazioni sull'inquinamento acustico nei due quartieri del centro storico cagliaritano. Dalla relazione dell'agenzia, trasmessa al Tavolo Tecnico interistituzionale (del quale fanno parte anche gli assessorati Attività produttive e Pianificazione del territorio del Comune di Cagliari, oltre che la Polizia Municipale) è emerso un superamento della soglia di legge e cosiddetta di attenzione.

"Da qui la trasmissione del verbale inviata al Comune - fa sapere la Regione - contenente suggerimenti al Comune per rientrare nella norma e non certamente perentorie prescrizioni. L'adozione delle misure idonee all'ottenimento degli obiettivi – il rispetto dei limiti acustici – rientra totalmente nell'ambito della sfera di competenza dell'Amministrazione comunale, che è libera di individuare le azioni che ritiene maggiormente idonee e anche diverse da quelle individuate dal Tavolo Tecnico, purché gli interventi messi in atto siano altrettanto idonei all'ottenimento del rientro nei parametri. Peraltro, gli esiti del lavoro del Tavolo Tecnico sono stati recepiti e condivisi anche dalla Conferenza di servizi indetta dall'Amministrazione comunale cagliaritana lo scorso settembre e lo stesso Sindaco ha confermato che il Piano di risanamento acustico, di cui i Comuni devono dotarsi, sarà pronto per il mese di maggio.

"La Giunta Pigliaru – commenta l'assessora Donatella Spano – riconosce il ruolo degli operatori commerciali e dei ristoratori di Cagliari, sia in chiave turistica che di presidio del territorio, e deve tenere in considerazione anche l'aspetto della salute pubblica dei cittadini. Non è certamente volontà di questa Amministrazione regionale mettere in difficoltà la loro attività o in discussione i posti di lavoro. Martedì incontrerò i rappresentanti delle Associazioni di categoria per un confronto costruttivo e chiarificatore. Ho appreso con favore la notizia che il Piano di risanamento del Comune di Cagliari è a buon punto", conclude l'assessora. "Noi continueremo a garantire la massima collaborazione istituzionale per risolvere i problemi, contemperando tutti gli interessi in campo, nel rispetto dei ruoli e dell'autonomia del Comune".

Nella foto l'assessora Donatella Spano

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it