Cronaca

Cagliari, rivoluzione carta d'identità. Da maggio diventa elettronica: cosa cambia

Da maggio scatta anche a Cagliari la rivoluzione digitale per la carta d'identità. Addio al vecchio cartoncino, sarà grande quanto una carta di credito e consentirà di pagare contributi e bollette. Il sindaco Zedda: "Semplificazione e risparmio di tempo per i cittadini". Entro il 2021 il Comune prevede di emttere 100mila nuovi documenti



CAGLIARI - È tutto pronto per il rilascio della carta d'identità elettronica. Una novità introdotta dal Ministero dell'Interno e che a Cagliari partirà da lunedì 8 maggio.  Non sarà soltanto uno strumento di riconoscimento ma garantirà l'accesso a diversi servizi della pubblica amministrazione: su tutti il pagamento delle bollette e dei contributi, la verifica della propria posizione Inps o Inail, il pagamento di multe e ticket sanitari.

Ma per questi servizi aggiuntivi bisognerà attendere la fine dell'anno. Lo hanno precisato oggi in Municipio durante una conferenza stampa il sindaco Zedda e l'assessore agli Affari Generali Danilo Fadda. "Si parte dall'8 maggio - ha detto Fadda - i cagliaritani si potranno recare nei cinque uffici di città, nella municipalità di Pirri e nella sede centrale dell'anagrafe per chiedere il rilascio della nuova carta d'identità elettronica". Il sindaco Massimo Zedda spiega che "il risparmio non è dato dall'oggetto in sé, ma dal risparmio di tempo e di spostamento che ad esempio ora i cittadini sprecano da un ufficio all'altro per sbrigare diverse pratiche. Da casa si possono comodamente gestire una serie di commissioni nella vita quotidiana". Alcune perplessità sono state espresse dal presidente della Municipalità di Pirri, Paolo Secci: "A Pirri ci sarà una sola postazione per la richiesta della nuova tessera, credo sia insufficiente visto che negli uffici probabilmente i tempi per l'emissione si allungheranno passando dagli attuali 6 a circa 20 minuti".

Il nuovo documento, che avrà il formato di una carta di credito, garantirà standard di sicurezza elevatissimi contro le contraffazioni: i dati del titolare saranno impressi sulla carta e memorizzati nel microchip presente. Verranno inoltre acquisite le impronte digitali per i cittadini a partire dal dodicesimo anno d’età. Garantirà il riconoscimento in tutta Europa ma anche nei paesi con i quali l'Italia stipulerà accordi. 

Chi può richiederla? "Solo chi ha il documento scaduto o in scadenza nei successivi sei mesi - ha proseguito Fadda - Chiaramente potrà essere richiesta anche in caso di smarrimento o furto. Sarà necessaria una foto formato tessera, anche digitale. Per averla saranno necessari sei giorni lavorativi dalla richiesta, salvo casi di comprovata urgenza (es. prendere un aereo o partecipare a un concorso)".

I costi. In caso di rinnovo il nuovo documento avrà un costo di 22,22 euro. È naturalmente previsto che la carta si possa richiedere anche per i casi di smarrimento, furto o deterioramento: per il duplicato i costi ammontano a 27,38 euro.

La validità cambia in base all'età. Il documento avrà una validità di tre anni per i bambini di età inferiore ai 3 anni, di cinque per i titolari di età compresa tra i 3 e i 18 anni, di dieci anni per i maggiorenni.

Donazione degli organi. Importante anche con il nuovo documento la possibilità del titolare di comunicare, al momento della richiesta della carta, il proprio consenso preventivo alla donazione di organi e tessuti in caso di morte: la speranza è che questa possa essere un'occasione preziosa per far crescere il numero dei donatori.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it