Cronaca

I Comuni fanno cassa con le multe. Aumento-boom di incassi in Sardegna: 17,6 milioni

Automobilisti, motociclisti e tutti quelli che non rispettano il codice della strada diventano una "manna" per il portafoglio del "pubblico". Un gettito in continua crescita, nell'ultimo anno, anche nell'Isola.



Boom di incassi grazie alle multe pagate da automobilisti, motociclisti e tutti coloro che devono rispettare il codice della strada. Il gettito dei comuni, nel 2015, è arrivato a 1,7 miliardi di euro, con un incremento del 45,6 per cento rispetto all'anno precedente. In Sardegna, i dati mostrano un rialzo del ventisette per cento negli ultimi dodici mesi, con un incasso finale pari a 17,6 milioni, non certamente bruscolini. Nella tabella che segue vengono riportate le entrate da violazione del codice della strada nel 2015, divise per regione, e la differenza percentuale rispetto all'anno precedente.

REGIONE MILIONI DIFF. % ANNUA
Piemonte 179,4 +46,6
Lombardia 156,1 +53,1
Liguria 21,9 .+35,6
Trentino A.A. 12,9 +22,1
Veneto 101 +51
Friuli V.G. 13,8 +28,8
Emilia R 78,7 +36
Toscana 125,6 +26,4
Umbria 11,1 +35,3
Marche 32,7 +75,4
Lazio 563,2 +54,6
Abruzzo 9,3 +13,6
Molise 0,9 -23,9
Campania 181,9 .+36,2
Puglia 42 +35
Basilicata 2,4 +21
Calabria 14,3 +31,2
Sicilia 114,6 +51,3
Sardegna 17,6 +27

 

NEL RESTO D'ITALIA - Un terzo delle sanzioni vanno ai comuni del Lazio, che da solo ha incassato 563 milioni (33,5 per cento). Il secondo posto va alla Campania con 182 milioni (10,8% del totale) e il terzo al Piemonte con 179 milioni (10,7 per cento). I dati sono contenuti nella relazione sulla gestione finanziaria degli enti locali della Corte dei conti, elaborati dall'Adnkronos. Nell'ultimo anno rilevato dalla magistratura contabile si registra un dato ''in controtendenza'' rispetto agli anni precedenti, quando era stato registra ''un trend in riduzione, con una variazione negativa tra gli anni 2014 e 2011 pari al 10 per cento''.

Le tabelle contenute nel dossier mostrano che in alcune regioni gli incrementi in termini percentuali, rispetto agli incassi del 2014, sono arrivati anche al 75,4 per cento. È il caso delle Marche, dove le sanzioni riscosse sono passate da 18,6 milioni a 32,7 milioni. Anche il Lazio ha registrato un notevole incremento (+54,7 per cento), partendo però da numeri molto più consistenti: 364 milioni di gettito nel 2014. Considerevole anche la crescita delle entrate da sanzioni per violazioni del codice della strada registrata in altre regioni: in Lombardia, dove si passa da 122 milioni a 179 milioni (+53,1 per cento); in Sicilia, che da 75,7 milioni si arriva 115 milioni (+51,3 per cento); in Veneto, dove da 67 milioni le entrate sono salite fino a 101 milioni. Non mancano delle eccezioni, dove si è registrato un calo anche considerevole delle multe incassate; nel Molise si è passati da 2 milioni di euro a 947.000 euro (-23,9 per cento). Con incassi inferiori al milione di euro il Molise è anche la regione che si classifica all'ultimo posto per entrate da violazione del codice della strada. Penultima è la Basilicata, dove nel 2015 sono state riscosse multe per 2,4 milioni di euro, in aumento del 21 per cento rispetto all'anno precedente.

Ultimo aggiornamento: