Cronaca

Raccolta rifiuti, stretta sugli incivili a Sassari. Obbligatori i sacchetti trasparenti, maxi multe per chi sgarra

Nuove regole dalla Giunta comunale su differenziata a porta a porta. Addio alle buste nere, lotta a chi non divide la spazzatura. Sanzioni salatissime per i trasgressori.



SASSARI - Raccolta rifiuti, per le utenze domestiche in vigore una nuova disciplina. La Giunta aggiorna norme e misure per la differenziata e il porta a porta. Adottata anche un'ordinanza con tutte le disposizioni innovative e le sanzioni. L'obbiettivo "è quello di rendere ancora più ordinata la raccolta differenziata fatta dalle utenze domestiche, evitare l'abbandono dei rifiuti accanto ai cassonetti stradali, migliorare la raccolta porta a porta dove già esiste, regolamentare ulteriormente la raccolta dei rifiuti ingombranti quindi sanzionare gli indisciplinati e, soprattutto, evitare che vengano conferimenti nei cassonetti sacchetti dell'immondizia da parte di cittadini di altri comuni". È questo il senso della delibera adottata dalla Giunta comunale e che dà il via libera all'adozione della nuova ordinanza sulla disciplina per la raccolta differenziata e indifferenziata dei rifiuti per le sole utenze domestiche.

Dalla Giunta, inoltre, "arrivano per gli uffici di via Ariosto anche linee di indirizzo per l'estensione del servizio porta a porta in diverse zone del territorio comunale non ancora coperte": nel quartiere di Sant'Orsola, nella zona di via Sette Fratelli e nell'agro, nelle località Li Buttangari, Zinziodda, Crabulazzi, San Camillo. L'ordinanza porta con sé diverse novità e indica con precisione le sanzioni, identificate in relazione alla gravità dei comportamenti.

L'azione adottata dall'amministrazione comunale mira così a definire norme e misure più stringenti, per aumentare non solo la quantità dei rifiuti differenziati ma anche la qualità della raccolta. E se l'esperienza di questi anni ha consentito di individuare comportamenti e condotte che non possono essere più tollerate, tra le novità introdotte ci sarà il divieto di utilizzo dei sacchi neri e non ispezionabili dall'esterno, perché questi rendono più facilmente occultabile da parte dell'utenza la mancata differenziazione dei rifiuti. Questo divieto entrerà in vigore fra tre mesi, lasciando così il tempo ai cittadini di smaltire le eventuali scorte presenti in casa. Consentito l'uso di un solo piccolo sacchetto non trasparente da utilizzare per il conferimento di rifiuti "sensibili" (a esempio pannoloni,assorbenti, siringhe), da smaltire all'interno della busta trasparente utilizzata per il conferimento dei rifiuti appartenenti alla frazione "secco residuo".

L'attività di controllo consente di rilevare, inoltre, un numero considerevole di utenze nelle zone in cui è attivo il servizio porta a porta che non utilizzano i contenitori distribuiti e assegnati alle utenze dal Comune di Sassari. Una situazione che non consente di tracciare i rifiuti, in termini di provenienza e destinazione. "Le condotte contrarie e in violazione delle norme in materia di conferimento dei rifiuti assumano i contorni di un disvalore per la città" – sostiene il sindaco di Sassari, Nicola Sanna, – "ecco perché abbiamo ritenuto importante definire norme più rigorose, utili anche a integrare e migliorare il servizio di raccolta rifiuti. Abbiamo deciso, perciò, di adottare una graduazione delle sanzioni per la violazione di alcune condotte che, in maniera palese, determinano una maggior offesa nei confronti dell'ambiente e al decoro cittadino".

Con l'ordinanza, inoltre, l'amministrazione vuole rendere obbligatoria la pratica del compostaggio domestico nelle zone del territorio comunale caratterizzate da una diffusa presenza di abitazioni con orti e giardini. A questo si aggiunga la volontà di vietare ai non residenti, o a coloro che non pagano la Tari nel Comune di Sassari, il conferimento di rifiuti di qualunque tipologia. In questo caso la sanzione sarà di 250 euro. L'atto adottato dal sindaco, inoltre, fornisce una spiegazione esaustiva delle tipologie dei rifiuti quindi dei significati di ambiti territoriali, zone interessate dal porto a porta, di aree rurali e di espansione, di stallo e raccolta differenziata. Per chi in città utilizza i cassonetti resta invariato l'orario di conferimento, previsto tra le 13 e le 24. Inoltre, per i cittadini che svolgono il porta a porta non è ammesso l'uso di contenitori diversi da quelli distribuiti e assegnati dal Comune. Chi ne è sprovvisto dovrà farne richiesta agli uffici dell'assessorato di via Ariosto.

CAPITOLO MULTE - Le sanzioni partono da un minimo di 100 euro a un massimo di 500, con sanzioni intermedie da 150 e 250 euro. A titolo esemplificativo, l'abbandono di rifiuti non pericolosi e non ingombrati fuori dai cassonetti stradali o dai "cestini gettacarte" o l'abbandono di rifiuti ingombrati e pericolosi prevede una sanzione di 500 euro. Da 250 euro le sanzioni per la mancata differenziazione dei rifiuti all'interno del cassonetto dell'indifferenziato "residuo secco"; conferimento dei rifiuti ingombranti in ore e giorni diversi da quelli previsti per le isole ecologiche; il mancato utilizzo del servizio "porta a porta" e il mancato rispetto delle modalità di conferimento previste per il porta a porta. Da 150 euro la sanzione per la mancata differenziazione dei rifiuti rilevata ripetutamente dove si svolge il porta a porta e l'utilizzo di contenitori diversi rispetto a quelli distribuiti e assegnati dal Comune; l'esposizione su strada pubblica dei contenitori o dei sacchetti di rifiuti in giorni e orari diversi rispetto a quelli previsti nel calendario del porta a porta. E ancora 150 euro per il conferimento dei rifiuti compostabili nei cassonetti stradali da parte dei residenti nelle zone del porta a porta e dove è obbligatorio il compostaggio; per il conferimento dei rifiuti ingombranti per il ritiro a domicilio in ore e giorni diversi da quelli concordati. È da 100 euro la sanzione per chi utilizza sacchi non trasparenti per il conferimento di rifiuti o conferimento i rifiuti nei contenitori stradali in orari e giorni diversi da quelli indicati.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it