Cronaca

Bazar illegale di profumi e smartphone falsi fuori dal centro commerciale. Capoterra, coppia di truffatori nel sacco

Un pizzaiolo napoletano residente a Quartu Sant'Elena, con precedenti, e un operaio di Monserrato, bloccati dai carabinieri mentre cercano di vendere prodotti taroccati. I due intenti a piazzare la merce nel parcheggio de "I Gabbiani".



CAPOTERRA (CA) - Tentata truffa, commercio di prodotti con segni falsi e vendita di prodotti industriali taroccati. Queste le accuse mosse a un pizzaiolo 36enne nato in Campania ma residente a Quartu Sant'Elena e al suo complice, un operaio 23enne di Monserrato. I due sono stati bloccati dai carabinieri mentre, nel piazzale del centro commerciale "I Gabbiani", stavano cercando di vendere smarthpone e I-Phone contraffatti - con tanto di scontrini falsificati ad arte - e profumi, anch'essi taroccati.

I due si sono beccati una denuncia, che nel caso del 36enne va a sommarsi ad altre grane avute, in passato, con la giustizia. Tutta la merce, palesemente falsa, è stata sequestrata dai militari.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it