Cronaca

Sant'Antioco, il ponte milionario della discordia. "L'unico vantaggio è per le barche"

Il collegamento tra l'isola e la Sardegna c'è già, ma uno più moderno è in dirittura d'arrivo. Costo: 67 milioni, denari pubblici. Pollice verso dalle onlus ambientaliste. "Opera incompatibile e inutile".



CAGLIARI - Il volto urbanistico di Sant'Antioco si prepara ad una "grande" novità, sotto molti punti di vista. Il maxi progetto del ponte nuovo - sei chilometri per collegare l'isola con la statale 126 dir - è già stato finanziato dalla Regione, con il Piano Sulcis del 2012, la ditta vincitrice c'è già - con tanto di render già creati - ma a contorno ci sono vari mal di pancia. È dello scorso gennaio il "no" di Italia Nostra. Un nuovo pollice verso arriva anche dal Grig.

"Il nuovo ponte è veramente utile? Se lo chiedono molti abitanti di Sant'Antioco", sostiene la onlus ambientalista. "Ciò che desta maggiore preoccupazione è la realizzazione di un nuovo collegamento stradale tra l'Isola di Sant'Antioco e la rete stradale regionale, che prevede la realizzazione di due interventi, ossia una nuova opera di scavalco lungo la statale 126 dir di collegamento con l'isola di Sant'Antioco tale da consentire l'attraversamento di imbarcazioni di altezza fino a 18 metri, e la demolizione del ponte attualmente utilizzato per i collegamenti, nonché una nuova viabilità di circa 3,8 chilometri, con funzione di circonvallazione del centro abitato di Sant'Antioco, di collegamento tra l'intervento del ponte sull'istmo e la statale esistente in direzione di Calasetta". I lavori, dal costo di 67 milioni, devono ancora superare l'esame dell'impatto ambientale - la Vas -. Per il Grig "l'opera appare sovradimensionata e poco compatibile con i valori storico-culturali del sito interessato dove, tra l'altro, è presente il rudere del ponte romano, simbolo del luogo e fondamentale riferimento del patrimonio culturale identitario degli abitanti di Sant'Antioco".

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it