Cronaca

Inchiesta Fluorsid, l'inquinamento ambientale preoccupa. Il sindaco di Assemini: "Salute dei cittadini al primo posto"

Sette arresti e due aree sequestrate a Macchiareddu. GiÓ da tempo i residenti di Assemini avevano denunciato "bruciori agli occhi e alle vie respiratorie". Arriva la presa di posizione del primo cittadino, Mario Puddu.



CAGLIARI - "Siamo preoccupati, il nostro primo compito è tutelare la salute dei cittadini. Apprendiamo con preoccupazione la notizia della vicenda della Fluorsid di Macchiareddu, con alcune misure cautelari eseguite dal Nucleo investigativo provinciale di Cagliari e della Forestale. Come sindaco e responsabile della salute dei miei concittadini sarà mio compito principale rivolgermi immediatamente alle Autorità competenti per capire se ci sono state responsabilità, e quali eventuali danni e conseguenze ambientali ci sono state e, nel caso, se persistono, per tutta la comunità". Così Mario Puddu, sindaco M5S di Assemini, nel commentare l'inchiesta, con tanto di arresti eccellenti, della Fluorsid.

Il disastro ambientale di Macchiareddu, con indagini lunghe anni - che hanno fatto emergere la presenza di polveri sottili nell'aria, lerba da pascolo inquinata con gravi danni per gli animali e falde acquifere contaminate -, a causa di vari materiali stoccati in due aree all'aperto, sembra legarsi fin troppo bene con le denunce mosse, già da tempo, dai residenti di Assemini. "Quando spira il vento le polveri si infilavano in casa anche attraverso gli infissi, creando dappertutto una densa patina biancastra". Tutti avevano lamentato bruciori agli occhi ed alle vie respiratorie, avevano riferito dell'odore acre e acido delle polveri. Alcuni avevano notato effetti nocivi sui figli minori, e altri li avevano paventati.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it