Cronaca

Cagliari, svolta dopo cinquant’anni: nuove sepolture al cimitero di Bonaria

Il Comune punta sulla riqualificazione del cimitero storico di Cagliari. Entro il 2017 saranno pronti oltre 200 loculi per le nuove sepolture. Una svolta a distanza di cinquant’anni: subito oltre mille urne per le ceneri.



CAGLIARI - Il cimitero monumentale di Bonaria presto ospiterà nuove sepolture. Il progetto, al quale il Comune lavora dal 2014, ora è concreto e prevede anche la riqualificazione dei monumenti funebri in stato di degrado. “Conservare un patrimonio di grandi dimensioni come il cimitero di Bonaria - spiega l’assessore comunale agli Affari Generali, Danilo Fadda - senza il contributo e la manutenzione dei parenti dei defunti che lo frequentano diventa davvero faticoso per il Comune. Per questo intendiamo riqualificarlo sia come monumento sia come luogo di sepoltura in modo da restituirlo alla piena fruizione da parte dei cittadini”.

Il piano. Il Comune entro l’estate ultimerà la ristrutturazione di 224 colombari che successivamente verranno messi in vendita in modo da ospitare le urne cinerarie. Ognuno potrà contenere dalle 4 alle 6 urne per un totale di circa 1200 posti. “Ma il progetto è più ampio - prosegue Fadda - dalla vendita di questa prima serie di loculi vogliamo ricavare i soldi per raggiungere fino a 7mila posti”. Data l’importanza del luogo, fa parte della rete Asce (Association of Significant Cemeteries in Europe) che racchiude i cimiteri più importanti d’Europa dal punto di vista storico, architettonico e culturale, seppellire uno dei propri cari costerà di più ma avvantaggerà i cagliaritani.
In generale rispetto al camposanto di San Michele il prezzo di un loculo sarà superiore del 50%. Tuttavia per i residenti un colombario da quattro urne a Bonaria costerà 1945,95 euro, da sei invece 3728,40. Il prezzo sale per i non residenti con una maggiorazione del 50%: 2918 euro per quattro loculi e 5592 euro per sei loculi.

Inoltre a Bonaria il servizio Patrimonio del Comune di recente ha acquisito le cappelle gentilizie più vecchie, quelle di cui non si occupava più nessuno: anche queste verranno messe in vendita probabilmente con un’asta pubblica. Infine, nell’Orto delle Palme dove sono stati fatti dei lavori per migliorarlo, nascerà un’area per la dispersione delle ceneri. Ma sul punto si discute ancora, soprattutto in commissione Lavori Pubblici: “Ci auguriamo - afferma il consigliere del Pd, Matteo Lecis Cocco Ortu - un concorso di idee tra professionisti per la progettazione di uno spazio adeguato alla bellezza del luogo. Il fatto che un cimitero monumentale continui ad essere attivo è positivo, sia per la sua manutenzione sia per rafforzare il legame tra quel luogo e la cittadinanza”.

La storia. Progettato dal capitano del genio militare Luigi Damiano, il cimitero venne inaugurato nel dicembre del 1828 e successivamente ampliato fino alla sommità del colle di Bonaria con un progetto dell'architetto Gaetano Cima. Il cimitero oggi è una grande galleria d'arte all'aperto che raccoglie sculture di artisti sardi e della Penisola. Ma non è più attivo: infatti sono consentite solo sepolture in cappelle private o in loculi acquistati prima del 1968. Ora la svolta sembra davvero vicina.

Leggi anche: Boom di cremazioni a Cagliari: mille ogni anno.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it