Cronaca

Le fogne a Torre delle Stelle? Mai esistite. Denuncia di Abbanoa: "Scarichi abusivi, rischio bomba ecologica"

Clamorosa rivelazione del gestore unico del servizio idrico nell'Isola. La frazione di Maracalagonis non ha una rete fognaria. Risultato: reflui scaricati chissā come. Un caso che potrebbe avere strascichi anche giudiziari.



CAGLIARI - "Nessuna rete fognaria a Torre delle Stelle. Rischio bomba ecologica in una della coste più belle dell'Isola". È questo il succo estremo della denuncia fatta da Abbanoa. "Nessuna rete fognaria: reflui dispersi nell’ambiente o gestiti in maniera abusiva? Una produzione di reflui (scarichi da depurare) che in estate arriva a 2000 metri cubi al giorno. Tutti liquami che dovrebbero essere smaltiti secondo le norme di legge (con documentazione che ne attesti l’effettivo smaltimento) e trasportati correttamente con autospurgo autorizzato al depuratore più vicino, ma che non risultano tracciati o tracciabili".

Per il gestore unico del servizio idrico di tutta la Sardegna "desta preoccupazione lo smaltimento dei reflui prodotti dalla borgata marina sulla costa sud orientale. Abbanoa ha infatti effettuato in questi mesi un censimento finalizzato alla futura gestione del servizio idrico della borgata marina riscontrando gravissime anomalie, tanto da temere per un possibile rischio ambientale. Una situazione che è stata già segnalata all’Ente di Governo d’Ambito Egas e ai Comuni di Maracalagonis e Sinnai. Nonostante l’obbligo imposto per insediamenti con più di 2mila abitanti di dotarsi di reti fognarie, è emerso che i 10mila abitanti di Torre delle Stelle ne sono totalmente sprovvisti. Si suppone che ogni abitazione del villaggio sul mare sia dotato di vecchi sistemi di raccolta dei reflui prodotti che periodicamente andrebbero trasportati tramite autospurgo a un impianto di depurazione autorizzato a riceverli e trattarli. Essendo rifiuti speciali, i reflui sono obbligatoriamente sottoposti a stringenti vincoli di smaltimento tesi ad evitare rilasci nell'ambiente e quindi danni di carattere ambientale".

Se così fosse, quindi in presenza di smaltimento a norma di legge, specie in estate, "si assisterebbe a un via vai di autospurgo che certamente non passerebbero inosservati (almeno 100 al giorno), diretti verso il depuratore di Is Arenas (gestito da Abbanoa) o verso gli impianti Cacip, gli unici nella zona autorizzati a ricevere questo tipo di rifiuti. Al depuratore di Abbanoa, il più vicino, non risultano conferimenti provenienti da Torre delle Stelle se non in maniera davvero residuale: in un intero anno, da tutta la provincia di Cagliari, arrivano all’impianto di Is Arenas 10155 metri cubi di liquame trasportato tramite autospurgo, cioé quanto il solo villaggio di Torre delle Stelle (uno dei tanti privi di rete fognaria) produce in una settimana".

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it