Cronaca

Diabete e obesità, nell'Isola casi in aumento. L'Oms conia nuovo termine: "diabesità"

Le due patologie, nell'80 per cento dei casi, sono legate. In tutta Italia aumentano le persone sovrappeso, la Sardegna rimane ai primi posti per numero di casi. Incontro-summit a Sassari.



SASSARI - Obesità e cultura della salute è il tema al centro del convegno organizzato dal dipartimento di Medicina clinica e sperimentale (diretto dal professor Antonello Ganau) della facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università di Sassari, in programma l'1 giugno prossimo nell'aula magna dell'Università di Sassari a partire dalle 16. Aperto anche "non addetti ai lavori", alle scuole, agli insegnanti, alle famiglie e ai giovani in particolare, si avvale di un approccio nuovo, multidisciplinare, con la partecipazione di cardiologi, endocrinologi, gastroenterologi, farmacologi, internisti, antropologi culturali, storici della medicina, esperti del mondo della comunicazione.

L'obesità può essere ormai considerata una vera e propria pandemia- come è stata definita dall'Organizzazione mondiale della sanità- strisciante e subdola. Bastano poche cifre per dare conto dei contorni del fenomeno : nel 2015 gli adulti in sovrappeso erano circa 2,3 miliardi e gli obesi più di 700 milioni. Per la prima volta, nonostante il progresso della scienza e della medicina, l'aspettativa di vita dei bambini americani è inferiore a quella dei loro genitori a causa dell'obesità. Una condizione che non riguarda solo gli Stati Uniti. L'ufficio regionale europeo dell'Oms stima che circa la metà della popolazione adulta sia in sovrappeso. In Italia 3 adulti su 10 risultano in sovrappeso, mentre più di 1 su 10 è obeso: complessivamente, quindi, il 43% di italiani sono in eccesso ponderale. Il sovrappeso – legato alla sedentarietà e alle abitudini alimentari - tende ad aumentare con l'età.

Si tratta di una realtà preoccupante per l'elevata morbilità associata alle patologie cardiovascolari che sono causate dal diabete, che nell'80% dei casi è collegato a sovrappeso e obesità. Un fenomeno dilagante, per il quale è stato coniato un neologismo: "diabesità". Stando ad alcune stime interesserà il 6,3% della popolazione nel 2025, coinvolgendo 333 milioni di persone in tutto il mondo. Per quanto riguarda l'Italia, l'International Diabetes Federation aveva stimato per il 2025 il superamento di quota 3 milioni di diabetici: questa soglia è stata superata con largo anticipo, oggi abbiamo almeno 3 di diabetici accertati, più "una quota stimabile in circa 1 milione di persone che, pur avendo la malattia, non ne è a conoscenza". E ciò senza tenere conto della sindrome metabolica (obesità, ipertensione arteriosa, dislipidemia aterogena, prediabete), che causa aterosclerosi ed aumentato rischio di eventi cardiaci e cerebrovascolari. Di grasso si muore: Il rischio di morire di infarto aumenta del 25 per cento in tutti coloro i quali pesano il 20% in più del proprio peso ideale, e quello di morire di ictus aumenta del 10 per cento. Ma se il peso supera del 40% per cento quello consigliato, il rischio di morte per ictus aumenta del 75%o e per infarto miocardico del 70%. Di fronte a una realtà che allarma per i suoi effetti sulla salute pubblica e la spesa sanitaria, è urgente contrastare il fenomeno, anche sul piano degli stili di vita e della comunicazione, spesso distorta, su alimentazione e cibo. Questo incontro si propone di far luce sulle diverse facce del fenomeno "obesità": dal ruolo dei media agli aspetti antropologici e storici del fenomeno, dai dismetabolismi alle patologie cardiovascolari e neoplastiche che ne conseguono, dai cibi che fanno male a quelli che invece possono divenire farmaci.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it