Cronaca

In kayak e a nuoto: 1000 chilometri tra le coste sarde per beneficenza. L'iniziativa di 2 sportivi dal cuore d'oro

Giuseppe Solla, ironman, e Daniele Strano, kayaker, pronti alla sfida. Trenta giorni in acqua, con varie tappe, per raccogliere fondi per la onlus Special Olympics. Start il 17 giugno prossimo.



CAGLIARI - Avventura, turismo, sport e solidarietà: tutto a cura di due atleti sardi, l'ironman Giuseppe Solla, 48enne di Quartu Sant'Elena, e il kayaker Daniele Strano, 43enne di Selargius. Mille chilometri di costa sarda e un mese circa per chiudere il giro. Tempo: trenta giorni, a partire dal 17 giugno prossimo. È la beneficenza la "benzina naturale", mischiata a quella legata ad anni di sport. Start e traguardo finale dalla spiaggia di Maladroxia a Sant'Antioco.

 

 

"Promuoviamo uno stile di vita a contatto con la natura, il rispetto ambientale insieme a dei ragazzi speciali, insieme a noi in alcuni tratti di costa. Abbiamo il sostegno di tutte le onlus accreditate Special Olympics Sardegna che sono pronte ad accoglierci in tappe programmate", spiegano Solla e Strano. Per attirare l'attenzione su questo progetto, giunto alla terza edizione, Solla è pronto a nuotare per trenta chilometri ogni giorno - fino ad arrivare a La Cinta a San Teodoro - e Strano a pagaiare, in gran parte in solitaria. "Non è facile per le enormi difficoltà ma contiamo di attirare un po' di attenzione a favore della raccolta di beneficenza per Special Olympics, già attiva. Attorno alle coste della Sardegna saranno piazzati 40 salvadanai che resteranno per tutta l'estate nelle località". Tutti i luoghi nei quali sono presenti i salvadanai si possono vedere qui.

NELLA FOTO: Giuseppe Solla (a sinistra) e Daniele Strano (a destra)

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it