Cronaca

Protesta contro il G7 a Cagliari: "A noi sardi rimarranno le briciole"

Manifestazione di protesta contro il G7 dei trasporti a Cagliari. Circa cento persone hanno dato via a un corteo nelle strade del centro storico.



CAGLIARI - Una corteo per protestare contro la riunione del G7 dei Trasporti che si aprirà mercoledì 21 giugno in città. E' partito da piazza Garibaldi intorno alle 19. Presenti circa cento persone, pacifisti e antimilitaristi del Cagliari Social Forum su tutti. Tanti poliziotti e vigili urbani hanno scortato il corteo che ha creato code nel traffico di via Sonnino.

Le ragioni della protesta. Secondo chi è sceso in piazza sicurezza e aspetti logistici del G7 "faranno spendere al governo 50 milioni i euro, uno sperpero di denaro pubblico".  "I G7 - si legge in un volantino distribuito alla partenza del corteo - non sono un organismo democratico. Sono i paesi ricchi e potenti che spinti esclusivamente da interessi economici e geopolitici pretendono di decidere per noi e per tutto il mondo. Per noi sardi rimarrà qualche briciola o mancia in alberghi o bar o in qualche negozio di souvenir".

Quando invece la Sardegna avrebbe bisogno di trasporti efficienti. "In Sardegna non vengono nemmeno garantite le corse quotidiane per i pendolari in treno. Le principali strade di comunicazione sono diventate pericolosissime e sono un cantiere perenne". 

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it