Cronaca

Mercatini a Cagliari, i commercianti protestano: "Il Comune decide senza ascoltarci"

La Confesercenti provinciale di Cagliari esprime forte contrarietà rispetto alle metodologie decisionali del Comune di Cagliari con particolare riferimento alla questione del Piano delle Aree, per il quale l’Assessorato alle Attività Produttive continua a non condividere le decisioni con le Associazioni di Categoria.



"Appena qualche settimana fa ci siamo incontrati con l’assessore Cilloccu per riprendere il discorso relativo al Piano delle Aree del Comune di Cagliari, dopo aver scoperto che era già stato approvato ma mai condiviso con noi” tuona Marco Medda, vice presidente della Confesercenti Provinciale di Cagliari, con delega al commercio su area pubblica. “Durante l’incontro abbiamo cercato una posizione comune per discutere di problemi veri, riguardanti il riordino del commercio ambulante a Cagliari e, sempre durante la riunione, ci è stato solamente accennato dell’intenzione di provare a porre in essere anche dei mercatini a tema diretti per lo più agli operatori dell’ingegno (hobbisti). Va tutto bene fino al momento in cui però l’amministrazione comunale prende decisioni senza condividere con i soggetti rappresentativi che, più di altri, ben conoscono le realtà del territorio cittadino e, soprattutto, mettono in secondo piano gli operatori commerciali su area pubblica che, in Sardegna, rappresentano oltre 7.300 imprese e circa 11.000 operatori tra imprenditori e dipendenti. Ma ciò che più ci dispiace è apprendere dai giornali la notizia che il Comune di Cagliari ha messo a bando le aree per i mercatini tematici, senza alcun tipo di comunicazione e di condivisione con noi” prosegue Medda.

Confesercenti, si legge in una nota, individuò alcune piazze cittadine (durante la precedente legislatura Zedda, con l’assessore Argiolas e ancor prima con Paolo Carta) nelle quali "sarebbe stato importante" avere dei piccoli mercatini di quartiere che fornissero un servizio di piccola distribuzione commerciale. "Il Comune ora decide da solo, non ci sembra un buon modo di fare condivisione e politica attiva di sviluppo” dichiara Davide Marcello, presidente provinciale di Confesercenti “ma, non essendo questo il primo episodio di tal genere con l’Assessorato alle Attività Produttive, ci viene da pensare che evidentemente questi siano i nuovi metodi per fare politica attiva e prendere decisioni per la popolazione, senza però conoscere davvero quali siano le ricadute che queste stesse decisioni hanno su ciascuno di noi”.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it