Cronaca

Aggressioni e minacce agli agenti, a Bancali regna il caos. "Prima o poi ci scappa il morto"

Escalation di violenza nel carcere sassarese, episodi quasi quotidiani. Gli ultimi: latte bollente lanciato negli occhi di una guardia, uno straniero dà fuoco a lenzuola e materasso. Sos dei sindacati.



SASSARI - Escalation di criticità senza fine nell'istituto penitenziario sassarese di Bancali. Tra aggressioni e minacce agli agenti, continua la situazione di quotidiana tensione tra i metri quadri del carcere sardo. "Un detenuto ha lanciato il latte caldo contro un agente, un altro detenuto ha tentato poi di aggredirlo, l'agente si è salvato solo grazie alla sua prontezza di riflessi". A dichiararlo è il segretario generale aggiunto dell’Osapp, Domenico Nicotra. Episodi gravi, con più di un lavoratore della struttura che è dovuto ricorrere a cure negli ospedali di Sassari e Alghero.

"È l'episodio più grave. Un detenuto straniero, dopo aver inizialmente minacciato il collega di sezione, ha dato fuoco alle lenzuola ed al materasso della propria cella. Il fumo è stato deleterio per il personale. L'Osapp ormai da tempo denuncia le criticità della casa circondariale di Bancali dove l'amministrazione continua a fare orecchio da mercante non assegnando definitivamente un funzionario del corpo con funzioni di Comandante. È auspicabile", conclude Nicotra, che non debba necessariamente "scapparci il morto perché si possa modificare l'attuale linea di comando."

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it