Cronaca

Tragedia nei cieli della Gallura. Precipita ultraleggero, 2 morti carbonizzati

L'incidente a nord dell'Isola, in località Li Balzaghi, tra Trinità d’Agultu e Vignola. Niente da fare per gli occupanti del velivolo, da chiarire l'esatta dinamica dello schianto al suolo.



TRINITÀ D'AGULTU (SASSARI) - Sono stati identificati i corpi del pilota e della passeggera dell'aereo biposto che si è schiantato sulla scogliera della Costa Paradiso, in provincia di Sassari, tra Vignola e Trinità d'Agultu. Si tratta di un 63enne e di una 53enne che stavano arrivando in Sardegna direttamente da Verona. Il pilota era il titolare di una ditta a Lugagnano, frazione di Sona (nel Veronese) che si occupa di prevenzione degli incendi.

L'aereo, dopo la traversata del Tirreno, era in procinto di atterrare al campo di volo di Vignola, quando, per cause in corso di accertamento da parte della polizia stradale e delle autorità aeronautiche, ha perso quota, ha iniziato a beccheggiare a 30 metri dal suolo (probabilmente per il forte maestrale), per poi schiantarsi sulle rocce a pochi metri dalla strada Provinciale 90, dove stava operando la polizia stradale. I due viaggiavano insieme ad un altro aereo, sempre proveniente da Verona. I rilievi del caso sono compiuti dal magistrato di Tempio Pausania, Cristina Carunzio, insieme al medico legale, sul luogo della tragedia.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it