Cronaca

Minori stranieri non accompagnati in Sardegna, come aiutarli diventando tutore volontario

Sul sito dell'Autorità garante per l'Infanzia il bando per diventare tutore volontario di minori stranieri non accompagnati in Toscana, Sardegna, Abruzzo e Molise.



CAGLIARI - Aiutare i minori stranieri che si trovano in Italia, più precisamente in Sardegna, senza assistenza né rappresentanza legale. E' l'obbiettivo di un bando pubblicato sul sito del Garante dell'Infanzia per diventare tutore volontario. Si tratta un incarico a titolo gratuito per garantire al minore arrivato in Italia senza adulti di riferimento, spesso si tratta di un migrante, che vengano tutelati i suoi interessi, ascoltati i suoi bisogni, coltivate le sue potenzialità e garantita la sua salute senza la presa in carico domiciliare ed economica.

Tra le attività più importanti che svolge un tutore volontario ci sono: 

  • Presentazione della richiesta di soggiorno per minore età
  • Presentazione della eventuale richiesta di asilo politico, o protezione sussidiaria e umanitaria
  • Dovere di informare il minore che in un procedimento giurisdizionale può essere assistito da un difensore di fiducia e di avvalersi del gratuito patrocinio
  • Partecipazione alla fase di identificazione del minore
  • Deve essere sentito per il rimpatrio assistito o volontario
  • Richiesta di avvio delle eventuali procedure per le indagini familiari e per il conseguente ricongiungimento familiare
  • Rapporti con i servizi sociali che hanno in carico il minore, le comunità residenziali o le famiglie affidatarie
  • Attività di contatto e di rappresentanza legale nell’ambito delle procedure scolastico/formative
  • Richiesta di iscrizione al Servizio sanitario nazionale
  • Prestazione del consenso informato nelle decisioni e interventi sanitari
  • Monitoraggio delle scelte di accoglienza per il minore
  • Richiesta per i minori vittime di tratta un programma specifico

Per poter partecipare al bando occorre aver compiuto 25 anni e avere la fedina penale pulita. Gli aspiranti tutori volontari seguiranno un corso di formazione di 24/30 ore sulle specificità del loro ruolo e verranno inseriti nell’albo che verrà istituito presso il tribunale per i minorenni competente della regione di residenza o domicilio. Da questo albo il giudice selezionerà un tutore volontario per ogni minore.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it