Cronaca

Dalle sbarre piemontesi a quelle sarde. Nel carcere di Bancali arriva Johnny lo Zingaro

L'Isola si conferma terra delle "carcerazioni ecccellenti": dietro le sbarre del carcere di massima sicurezza turritano arriva Giuseppe Mastini. La sua vita macchiata da una lunga scia di sangue.



SASSARI - L'Isola e le sue carceri si confermano una meta abbastanza utilizzata dalle amministrazioni penitenziarie del resto d'Italia per trasferire detenuti decisamente "famosi". Dopo l'arrivo di Massimo Carminati, condannato a 20 anni di reclusione per il processo Mafia Capitale (trasferito dal carcere di Parma, sottoposto al '41 bis', al penitenziario di massima sicurezza di Oristano), nuoro arrivo. Stavolta a Bancali, il carcere sassarese. Si tratta di Johnny lo Zingaro, alias di Giuseppe Mastini.

Un ergastolano di primo livello: nel suo "curriculum" reati e sangue durante il decennio che va dal 1970 al 1980. Rinchiuso nel carcere di Fossano (Cuneo), è stato rintracciato a Siena dopo una breve evasione. L'arrivo nel penitenziario di Bancali (con tanto di regime di sorveglianza particolare, quella destinata ai detenuti in regime di Alta Sicurezza 1) avviene in virtù della decisione dell'amministrazione penitenziaria.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it