Cronaca

A Molentargius lavori rapidi per debellare i fumi tossici. Già riaperte le scuole di Quartu

Gli studenti degli istituti chiusi per "pericolo inquinamento" sono pronti a tornare tra i banchi. La decisione arriva dopo l'incontro tra Comune e dirigenti scolastici. Intanto, va avanti il cantiere nell'area dei roghi.



QUARTU SANT'ELENA (CA) - Le operazioni per lo spegnimento dell’incendio nel sottosuolo, all’interno del Parco di Molentargius proseguono spedite, ma intanto riprendono anche le attività di pubblica istruzione temporaneamente sospese nei plessi scolastici ricadenti nella zona più esposta. Nel corso di una riunione diretta dal sindaco Stefano Delunas e dall’assessore comunale alla Pubblica Istruzione Elisabetta Cossu, tutti i dirigenti scolastici degli istituti quartesi hanno infatti dato ampia disponibilità e garantito una sede agli studenti temporaneamente privi di plesso, grazie ai doppi turni. Presso la sala riunioni del Palazzo Municipale si sono infatti riuniti i rappresentanti dell’amministrazione e i dirigenti scolastici degli istituti cittadini, al fine di discutere l’emergenza creata dall’emissione di fumi causati dall’incendio al Parco di Molentargius. Nell’occasione il sindaco ha fatto presente che a seguito dell’emanazione delle ordinanze di chiusura delle scuole di via Palestrina, via Turati e via Scarlatti era necessario trovare una soluzione rapida per evitare una eccessiva interruzione dell’attività didattica.

All’unanimità i dirigenti scolastici hanno garantito la massima disponibilità per trovare soluzioni e quindi offerto i plessi nei quali operano per avviare turni scolastici. Si è pertanto concluso che: gli alunni della scuola media di via Turati frequenteranno in contro turno, secondo le modalità indicate dal dirigente scolastico, presso il plesso di via Monsignor Angioni;
gli alunni della scuola primaria di via Palestrina frequenteranno in contro turno, secondo le modalità indicate dal dirigente scolastico, presso il plesso di via Inghilterra; gli alunni del Liceo Artistico di via Scarlatti frequenteranno in contro turno, secondo le modalità indicate dal dirigente scolastico, presso il plesso del Liceo ‘Brotzu’ di Pitz’e Serra.

“Voglio esprimere grande riconoscenza verso l’assessore Cossu e verso tutti i dirigenti scolastici che con grande senso di dovere si sono messi subito a disposizione, presenziando al briefing effettuato prima ancora della riunione del C.O.C – commenta il sindaco Stefano Delunas -. Si è così giunti in breve a una conclusione con la predisposizione dei doppi turni. Potremo quindi far riprendere l’attività anche agli studenti che frequentano le scuole temporaneamente chiuse. Il periodo di doppio turno si prevede possa iniziare lunedì e concludersi il 30 settembre, quando si presume l’emergenza possa essere terminata e certificata dal C.O.C.". Le altre scuole non verranno infatti chiuse. L’Amministrazione nei giorni scorsi aveva mandato una nota all’ASSL, chiedendo chiarimenti in merito alle condizioni degli altri plessi. Il Dipartimento di Prevenzione-Servizio Igiene e Sanità Pubblica ha provveduto a effettuare oggi dei sopralluoghi, ma ha poi comunicato che non risulta necessario sospendere l’attività nelle sedi campionate, ovvero via Vespucci, via Pizzetti, via Beethoven, via Allegri e via Don Sturzo. La stessa Assl consiglia di procedere con l’attività rispettando gli accorgimenti già resi noti per gli abitanti della zona di Santo Stefano. Intanto all’interno del Parco, nella zona interessata dal fuoco, procedono spediti i lavori per la costruzione della pista forestale. L'accesso all'area è vietato ai non addetti ai lavori.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it