Cronaca

Cagliari, spintona e ruba il cellulare a un'impiegata: denunciato. Su facebook la versione della vittima

25enne algerino denunciato per rapina impropria. I fatti risalgono alle 23 di mercoledì notte quando un'impiegata 29enne di Iglesias, mentre camminava in via Campidano, è stata raggiunta e spintonata dall'uomo, irregolare e senza dimora, che poi le ha rubato il telefono cellulare prima di dileguarsi. Intorno all'una l'uomo è stato raggiunto dai carabinieri che, dopo le verifiche del caso, hanno inoltrato la denuncia.



La notizia a Cagliari sta facendo il giro delle bacheche facebook. La vittima ha reso nota la sua versione dei fatti. 

"Intorno alle 22:40 sono stata brutalmente aggredita da un algerino. Ero a cagliari in via campidano, ferma davanti al ristorante opera prima, con il volto girato verso l’ingresso del locale. Sono stata scaraventata in terra e mi è stato strappato il telefono dalle mani.  Ho da subito urlato a squarciagola, rialzandomi da terra e mettendomi a inseguire il ragazzo per tutta via pirastu (la strada che collega via campidano a viale diaz lato palazzo dell’enel) continuando a urlare ininterrottamente. Proprio in questa via c’erano tre miei connazionali, tutti uomini, che alla vista della scena hanno ben pensato di far largo alla sfrenata corsa dell’usain bolt algerino mentre io continuavo a pregare il loro aiuto con tutta la voce che avevo in corpo. Non so chi siate ma...complimenti!!!. Ho perso le tracce del giovane delinquente davanti al palazzo dell’enel. Nel mentre, dal locale, avevano avvertito i carabinieri che mi hanno rintracciata poco dopo e mi hanno convocata vicino a piazza Matteotti.  Lui era li, con la sua felpa rossa, i pantaloni mimetici e la nuca rasata, ma del del mio telefono nemmeno l’ombra (chissà dove l’avrà nascosto!).  L’ha riconosciuto anche un altro signore, anch’egli convocato dai carabinieri, che si trovava a pochi metri da me durante l’aggressione.  E' stato perquisito insieme a tutta la sua compagnia e dalle tasche tiravano fuori banconote da 50€ a gruzzoli di tre e quattro…nulla di strano, vero?

Poi è stato ammanettato e portato in caserma. Eravamo insieme, nella stessa stanza. Sono stata interrogata. Lui è stato muto, tutto il tempo, con un sorrisino subdolo stampato sulla faccia.  Volete sapere un altro “scoop"? possedeva già il foglio di espatrio per lasciare l’italia entro sette giorni. I carabinieri, a cui oggi vorrei fare una statua per quanto mi hanno aiutata almeno a gestire lo spavento, hanno chiamato la pm di turno per convalidare l’arresto ma non è stato concesso, perché il telefono in fondo non lo aveva… Ricapitolando io l’ho riconosciuto, mi ha aggredita, c’era un testimone, ma non è stato colto in flagranza di reato. 

Adesso mi domando: domani sarò più sicura uscendo di casa? Mi trovo in un paese giusto? Del telefono non me ne frega nulla, ma mi sono beccata uno spavento che non augurerei mai a nessuno. Non lo auguro al pm, non lo auguro alla boldrini, non lo auguro a tutte le persone a cui sarebbe “facile” in questi casi e con questa rabbia addosso augurare. Non è pelle, non è credo, non è religione. E’ vedere i miei diritti calpestati, il rispetto demolito, le forze dell’ordine inermi, in nome di cosa? del buonismo? del lavarsi la coscienza? ditemelo voi perché io, in questa notte, non trovo più risposte, ma solo sconforto".

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it