Cronaca

Coca e marijuana vendute a domicilio. Sgominata banda criminale nel Nuorese, coinvolto anche un minore

La polizia stronca un sodalizio criminale lungo anni, con base a Orosei. In 5 finiscono in manette. Sequestrati tantissimi chili di droga, la produzione dello stupefacente a Sos Alinos.



SINISCOLA (NU) - Sgominato dalla Polizia di Stato un sodalizio criminale che gestiva una fiorente attività di spaccio nel comune di Orosei e dintorni. Gli agenti della squadra mobile e del commissariato di Siniscola hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di cinque componenti della banda. Il provvedimento restrittivo è stato emesso dal gip presso il tribunale di Nuoro, Claudio Cozzella, su richiesta della procura della Repubblica, con il pm Tommaso Giovannetti, al termine di oltre un anno di indagini.

Gli arrestati sono: C.G., 48 anni di Loculi, allevatore, con precedenti specifici e per reati contro il patrimonio; S.S. 22 anni di Nuoro, allevatore, con precedenti specifici e per reati contro il patrimonio, nei cui confronti è stata adottata la misura della custodia in carcere; M.S. 48 anni di Irgoli, con precedenti specifici per stupefacenti e reati contro il patrimonio, destinato invece agli arresti domiciliari. Per il ruolo secondario ricoperto, ad altri due indagati è stata applicata la misura del divieto di dimora (R.L. cl. 1966 di Orosei) e dell’obbligo di presentazione all’A.G. (S.G. cl.1996 di Orosei). Nell’attività criminale era coinvolto anche un minorenne di Orosei, utilizzato dai più grandi per effettuare le “consegne” dello stupefacente, denunciato alla procura della Repubblica dei minorenni di Sassari. L’organizzazione gestiva la vendita al minuto di marjuana e cocaina, ottenendo lauti guadagni fino ad alcune migliaia di euro al mese e potendo contare su una vasta rete di clienti di ogni età. L’attività di spaccio si intensificava nei mesi estivi, tanto che gli indagati offrivano il “servizio” di consegna a domicilio per i turisti o lavoratori delle strutture ricettive della zona. Mentre la marjuana veniva prodotta in proprio nelle alture di Sos Alinos, lavorata e poi venduta al dettaglio, la cocaina era acquistata dall’ M.S. allo stato grezzo per poi essere tagliata dagli indagati e confezionata per la vendita al minuto. Ingenti i quantitativi di stupefacente trattati dal sodalizio, come dimostra l’arresto dei due principali indagati lo scorso 17 ottobre 2016, quando erano stati sorpresi dagli investigatori della squadra mobile in un deposito nascosto mentre essiccavano 15 chili di marjuana. Nel corso dell’operazioni sono state perquisite le abitazioni di tutti gli indagati che hanno portato al sequestro di stupefacente, bilancini di precisione, materiale per il confezionamento della droga. Tutti gli arrestati sono finiti dietro le sbarre del carcere di Badu 'e Carros.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it