Cronaca

Traffico di droga nel nord Sardegna bloccato dai Carabinieri, 17 persone arrestate

Gestivano il mercato all'ingrosso della marijuana destinata principalmente a Olbia e alla Costa Smeralda.



L'operazione denominata "Green Thumb", ha fatto emergere un giro d'affari stimato in almeno 15 milioni di euro l'anno.


Il traffico di droga è stato scoperto dai militari di Sassari con un'indagine partita il 9 aprile del 2017, in seguito all'omicidio del 47enne di Alà dei Sardi, ucciso dal suo concittadino, che dopo una banale lite avvenuta all'interno di un bar del paese, aveva esploso due colpi di pistola contro la vittima.


L'uomo si era costituto confessando l'omicidio, ma dalle intercettazioni telefoniche di amici e familiari erano emersi i sospetti di attività illecite legate al traffico di droga.


Le indgini hanno permesso di appurare che il centro nevralgico dell'organizzazione erano due piantagioni di marijuana sequestrate la scorsa estate nelle campagne tra Monti e Berchidda, una con 4.887 piante, l'altra con 2.534 piante.
Tutti gli indagati sono accusati a vario titolo e in concorso tra loro, di produzione, coltivazione, traffico, detenzione e cessione di sostanze stupefacenti.


Le indagini hanno permesso di ricostruire l'operato della rete di coltivatori, intermediari e venditori di marijuana che operava proprio intorno alla famiglia dell'omicida.


Dieci degli arrestati nell'operazione dei carabinieri di Sassari contro il traffico di marijuana in Costa Smeralda sono stati portati in carcere, gli altri sette sono ai domiciliari.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it