Cronaca

Peste suina: sotto sequestro un macello clandestino e abbattuti 110 animali

La carne contaminata pu˛ essere pericolosa per l'uomo, avvertono dall'Istituto Zooprofilattico.



L'Unità di Progetto per l'eradicazione della Peste suina africana in Sardegna ha comunicato l’abbattimento, in agro di Irgoli, nelle località Sant'Elene, Sant'Andria e Gusponi, di 110 maiali allo stato brado illegale, di ignota proprietà, non registrati all'anagrafe animale e quindi mai sottoposti ai dovuti controlli sanitari da parte dei Servizi veterinari.

Nel corso degli interventi è stata inoltre trovato e messo sotto sequestro un macello clandestino, privo delle condizioni basilari per garantire la sicurezza alimentare e dotato di una cella frigo con carni e frattaglie destinate al consumo.

Immediato l'intervento degli operatori dell'istituto zooprofilattico e della Questura. L'UdP, che conduce i controlli vigilanza sul territorio in applicazione del piano e delle misure decise in accordo con Ministero della Salute e Commissione europea finalizzati all'eradicazione della PSA, dissuade i potenziali fruitori dall'assunzione di carni non sottoposte ai controlli veterinari previsti dalla legge ricordando che, nel caso di infezione, possono essere pericolose anche per l'uomo.


L'UdP rinnova l'appello a tutti i detentori irregolari di suini affinché regolarizzino la propria posizione. I Servizi Veterinari del ATS ricordano inoltre che mancano ancora comunicazioni dei censimenti annuali da parte degli allevatori di maiali, mentre ormai è operativa la Banca Dati Nazionale suina individuale.

Ultimo aggiornamento: