Cronaca

Progetti di inclusione per i richiedenti asilo: 250 migranti impegnati in servizi di pubblica utilità

Ciascun migrante sarà impegnato per un totale di ore compreso tra le 6 e le 15 settimanali.



Oltre 250 richiedenti asilo nelle prossime settimane svolgeranno in forma gratuita servizi di pubblica utilità: dalla cura e tutela delle aree verdi e dell'arredo urbano alla custodia del patrimonio artistico e culturale e degli spazi dedicati al tempo libero e allo sport.

È inoltre previsto il coinvolgimento attivo dei giovani nell'organizzazione di eventi con una valenza sociale e culturale che nascono per iniziativa dei comuni.

Sono i risultati del nuovo Avviso, appena pubblicato nel sito dell'Osservatorio interregionale cooperazione allo sviluppo (Oics), che riguarda i progetti di volontariato sociale promossi dalla Regione, con un finanziamento di 60 mila euro, e destinati ai richiedenti asilo o titolari di protezione internazionale, ospitati nei centri di accoglienza della Sardegna, che hanno raggiunto la maggiore età.

Le proposte sono state presentate da tre comuni,Trinità d'Agultu, Sadali e Valledoria e da 13 associazioni. Tutte le attività dovranno essere svolte su base volontaria e gratuita e ogni singolo progetto dovrà avere una durata di quattro mesi dalla firma con l'Oics che agisce in nome e per conto della Regione. Ciascun migrante sarà impegnato per un totale di ore compreso tra le 6 e le 15 settimanali.
Lo scorso anno erano stati finanziati 12 progetti con oltre cento giovani coinvolti.

"Prendiamo atto con piacere - dichiara l'assessore agli Affari Generali Filippo Spanu - che aumenta l'interesse verso l'iniziativa che quest'anno coinvolge un crescente numero di persone. Vogliamo favorire l'inclusione dei richiedenti asilo nel tessuto sociale e abbiamo verificato sul campo che questi progetti sostengono e promuovono in termini molto concreti il processo di integrazione. L'impegno dei migranti in diversi contesti rinsalda il rapporto con le comunità e rafforza la reciproca conoscenza. Inoltre, con le attività di volontariato sociale i richiedenti asilo hanno la possibilità di migliorare la conoscenza della lingua italiana che è un aspetto fondamentale in vista di un loro pieno inserimento nelle diverse realtà".

Sull'accoglienza dei migranti e sul ruolo della comunicazione in questo delicato ambito si discuterà nel corso di "Nois, la Sardegna che accoglie", in programma il 23 e 24 giugno prossimi, a Cagliari, al Teatro Massimo per iniziativa della Regione.

All’evento che si aprirà sabato 23 giugno, alle 10, sarà presente la Commissaria per l'Immigrazione del Comune di Barcellona Lola Lopez. L'intensa due giorni sarà ricca di dibattiti, proiezioni di film, documentari e spettacoli.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it