Cronaca

Cassazione. Condanna per l'ex Assessore Regionale Carboni

I giudici della corte di Cassazione hanno rigettato nel merito il ricorso.



La Cassazione ha rigettato il ricorso dei legali di Carboni, rendendo definitiva la condanna a nove anni di reclusione per rapina e violenza sessuale nei confronti della ex moglie.

La vicenda. Secondo quanto ricostruito nel giudizio a suo carico, nel 2013, l'ex assessore dei Trasporti della Regione Sardegna aveva fatto irruzione nell'abitazione della ex moglie a Selargius, simulando una rapina.


Con addosso un casco e fingendosi uno straniero, sootto la minaccia di un coltello aveva rapinato la donna e altri familiari. Ha poi costretto la moglie a togliersi i vestiti. Era stato riconosciuto da tutti, compreso il cane, la babysitter della figlia e il suocero. Le indagini avevano subito puntato sull'ex esponente di spicco di Forza Italia, ormai da tempo in rotta con l'ex moglie e alle prese con una tormentata separazione.


Accompagnato dai difensori Leonardo Filippi, Denise Mirasola e Luigi Isolabella, Carboni ha partecipato alla discussione davanti alla Suprema Corte, negando il suoi coinvolgimento come fatto in Tribunale e in Corte d'Appello. Due ore e mezzo di udienza nel quale il procuratore generale ha chiesto l'inammissibilità del ricorso, mentre l'avvocato di parte civile Pierluigi Concas ha sollecitato il rigetto anche nel merito. La Cassazione ha così respinto il ricorso in piena notte. Questa mattina per l'ex assessore si apriranno le porte del carcere di Uta.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it