Cronaca

Nove denunce per rissa. Coinvolti diversi ospiti del centro “SPRAR” di Capoterra

Il fatto risale al maggio scorso dove un extracomunitario gambiano rimase ferito.



Denunciate dai Carabinieri della stazione di Capoterra e dalla Compagnia Cagliari, nove persone accusate di favoreggiamento, lesioni personali aggravate in concorso e rissa aggravata.

Secondo quanto appreso dai militari nel corso dell’attività investigativa,  il 25 maggio di quest’anno intorno alle 22 circa, nella via Cagliari di Capoterra, nei pressi del centro richiedenti asilo “Sprar”, un giovane di origine gambiana di 18 anni, è stato aggredito con pugni, calci e colpi di cintura.


Il giovane era appena sceso da un mezzo di linea urbana. Il pestaggio si è verificato al termine di una serie di insulti ed offese reciproche già avvenute a bordo dell’autobus di linea; la discussione, verosimilmente  dovuta a banali motivi è poi degenerata.


Il giovane extracomunitario si è rifugiato presso il centro richiedenti asilo con l'intento di sfuggire all'aggressione e al lancio di oggetti contundenti Gli aggressori si sono scagliati contro l'ingresso della struttura danneggiando anche il campanello d’ingresso. Poco dopo, il giovane extracomunitario, sostenuto da alcuni amici anch’essi ospiti della struttura di accoglienza, si sono uniti alla colluttazione, degenerata in una vera e propria rissa. Anche il giovane gambiano è stato denunciato all’autorità giudiziaria, così come gli amici che hanno preso parte alla rissa e che sono ancora in corso di identificazione. Le indagini sono state supportate supportata anche dalle immagini del sistema di videosorveglianza comunale, nonché da dichiarazioni testimoniali di soggetti che hanno potuto fornire fondamentali elementi per il proseguo dell’attività.


Il giovane extracomunitario a seguito del pestaggio ha riportato lievissime lesioni.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it