Cronaca

Maltempo. La Sardegna martoriata, fa i conti con i danni provocati dalle piogge e dalle esondazioni

Il Presidente Pigliaru in visita ad Assemini. Sopralluogo al cantiere della 195



Proseguono i sopralluoghi nei territori maggiormente colpiti dall'emergenza maltempo dei giorni scorsi. Questa mattina il presidente Francesco Pigliaru  e gli assessori dell'ambiente Donatella Spano e dei lavori pubblici Edoardo Balzarini hanno cominciato il giro da Assemini, per poi fermarsi a Decimomannu ed Uta.  
Con i sindaci dei tre comuni, è stato fatto il punto sulla situazione, soffermandosi sullo stato dei canali, sulla viabilità urbana e rurale, sui danni a privati, alle attività produttive ed agricole e sul funzionamento del piano di protezione civile. Ad alcune delle riunioni, insieme ai tecnici, ha partecipato la responsabile della protezione civile regionale Sandra Tobia. Ad Assemini il Presidente Pigliaru, con gli assessori e la direttrice Tobia, ha espresso vicinanza e cordoglio alla famiglia di Tamara Maccario, la donna 45enne morta sotto l'impeto dell'acqua, che ha travolto la sua autovettura.

Sopralluogo, in tarda mattinata, dopo gli incontri con i sindaci di Assemini, Decimo e Uta, del presidente Francesco Pigliaru assieme agli assessori Edoardo Balzarini e Donatella Spano sul cantiere della strada statale 195 per Capoterra. Come precedentemente annunciato, il Presidente sta seguendo in prima persona l'andamento dei lavori che Anas sta portando avanti e che proseguiranno anche nel fine settimana.
"È assolutamente essenziale che questa strada riapra il prima possibile", ha dichiarato il presidente Francesco Pigliaru. "Come annunciato dopo la riunione di ieri a Villa Devoto, si è iniziato non appena le piogge l'hanno permesso, dal primo minuto utile. Oggi Anas conferma che concluderà in pochi giorni. Cosa che ci auguriamo, perché conosciamo bene l'urgenza e la rilevanza della 195 per tutte le persone che abitano in questa parte della Sardegna. Da parte nostra, continueremo a monitorare da vicino la situazione", ha concluso Francesco Pigliaru.

Augurio ribadito dall'assessore dei Lavori pubblici Edoardo Balzarini, che ha parlato di un lavoro "che ha coinvolto diversi enti: l'Anas, che una volta tanto ha risposto tempestivamente, per la parte principale, ma non dimentichiamo anche il contributo degli enti locali, in particolare del Comune di Capoterra e del Cacip, nel ridisegno di una viabilità alternativa, fino al ripristino dell'asse principale, che speriamo duri solo pochi giorni".

L'ingegnere Valter Bortolan, responsabile del compartimento Anas Sardegna, ha confermato che tutto procede come da programma e ribadito la conclusione dei lavori in cinque giorni di lavoro continuativo, ovvero tre ulteriori dopo la giornata odierna, come già annunciato nel vertice convocato ieri da Francesco Pigliaru. Le attività vanno avanti infatti contemporaneamente sui tre cantieri aperti. Si procede con la ricostruzione del rilevato stradale e delle protezioni spondali dei manufatti idraulici. Alcuni dei quattro punti dove il rilevato è stato asportato sono stati già ripristinati e seguirà la realizzazione della nuova pavimentazione stradale. Anas conferma di aver verificato che non ci sono problemi strutturali relativi ai tre attraversamenti ma che i danni hanno riguardato i soli rilevati laterali.

Ultimo aggiornamento: