Cronaca

Omicidio di Macomer. Arriva la conferma: il cadavere ritrovato è quello del 18enne ucciso

E' quanto è stato accertato con la comparazione del Dna effettuato dai carabinieri del Ris.



E' arrivata la conferma sul Dna: i resti ritrovati nelle campagne di Ghilarza sono di Manuel Careddu, il 18enne di Macomer ucciso l'11 settembre scorso.


Il corpo è stato ritrovato a seguito di una lunga ed estenuane ricerca, nelle campegne di Ghilarza, dopo più di un mese dall'uccisione. Inizialmemnte le ricerche del giovane si sono concentrate attorno al lago Omodeo, poi le indagini hanno portato le ricerche verso le campagne di Ghilarza, dove, seppellito in profondità, in un terreno in cui lavorava uno degli arrestati, è stato ritrovato il corpo del povero Manuel. Per le modalità e la brutalità con cui hanno agito gli assassini, il copro era martoriato e il cranio  fracassato.


Per l'omicidio sono in carcere sei ragazzi tra cui due minorenni; un ragazzo detenuto nel carcere di Quartucciu e una ragazza che si trova in un carcere minorile in Nord Italia.


La conferma che i resti ritrovati sono quelli del giovane di Macomer è stata possibile grazie alla comparazione del Dna effettuato dai carabinieri del Ris.

Il cadavere del giovane è stato dissequestrato e la Procura di Oristano ha autorizzato la restituzione della salma ai familiari.

I funerali saranno celebrati domani alle 15.30 nella chiesa della Madonna Missionaria di Macomer.

 

Cristina Caddeo

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it